BAC: “RIVEDERE GLI INCARICHI ASSEGNATI NELLE PARTECIPATE”
“Il sindaco si esprima al più presto in Consiglio”

Anche la lista Busto al Centro, al pari della altre forze di opposizione Pd e Movimento 5 Stelle, chiede al sindaco Emanuele Antonelli di esprimersi sull’inchiesta che tocca Busto Arsizio. Nella lunga nota stampa, anche un richiamo alle responsabilità politiche che non riguarderebbero solo Forza Italia

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Anche la lista Busto al Centro, al pari della altre forze di opposizione Pd e Movimento 5 Stelle, chiede al sindaco Emanuele Antonelli di esprimersi sull’inchiesta che tocca Busto Arsizio.
Nella lunga nota stampa, anche un richiamo alle responsabilità politiche che non riguarderebbero solo Forza Italia

 

Abbiamo atteso qualche ora nell’esprimerci sui fatti di rilevanza giudiziaria che in questi giorni hanno portato all’attenzione dei media nazionali  la nostra provincia, con l’intendimento di non esprimere  alcun giudizio di tipo morale o penale ma, nello spirito civico del nostro Movimento, unicamente un giudizio riguardante le implicazioni e il nocumento che i fatti stessi possono comportare per la nostra città e per l’assetto amministrativo dell’intero Territorio provinciale. Alla luce della nostra  attuale conoscenza dei fatti ci pare doveroso sollecitare il Sindaco di Busto Arsizio affinché, nel più breve tempo possibile e preferibilmente nell’ambito di un Consiglio Comunale onde rendere edotta l’intera cittadinanza, si esprima  sulle seguenti materie:

1) quale sia la sua valutazione su quanto emerso dalle indagini della Magistratura  relativamente a quello che la stessa ha definito “sistema” coinvolgente i vertici provinciale e cittadino di Forza Italia, partito fondamentale nella sua maggioranza e proponente delle sue candidature a Sindaco e presidente della Provincia.

2) l’opportunità di una rivisitazione degli incarichi assegnati, nella sua qualità di Sindaco, nell’ambito di società ed enti  partecipati,  onde  poter confermare la loro estraneità alla logica del cosiddetto “sistema”.

3) la completa rivisitazione di tutta la problematica Accam, con il totale coinvolgimento del Consiglio Comunale, al fine di  aggiornare la posizione del Comune di Busto, alla luce dei recenti  accadimenti e alla decapitazione  dei suoi vertici societari ed aziendali. Ci sembra opportuno segnalare in proposito che già  in occasione della recente discussione in Consiglio Comunale, motivammo il nostro voto contrario al Piano industriale proposto anche con la richiesta di  un sostanziale cambio del CdA di Accam.

La nostra città deve assumere  una forte iniziativa nella gestione di questo difficile momento aziendale per diverse ragioni:

-la residenza dell’impianto sul nostro territorio

-la nostra posizione di maggiori azionisti

-la partecipazione di un nostro rappresentante al Comitato di controllo analogo (cosa che potrebbe richiamare una qualche responsabilità nella mancata percezione della gravità dei fatti contestati)

4) quali riassetti nella sua Maggioranza di governo (Consiglio e Giunta) intenda promuovere a seguito degli innegabili impatti negativi che gli eventi hanno procurato alla stessa.

Altrettanto importanti  ci  paiono altre osservazioni, probabilmente di nessuna rilevanza giudiziaria ma sicuramente di  rilevante importanza politica.

Dagli atti si evince che la Magistratura  ha definito “sistema”  il complesso intreccio di rapporti politici e personali sui quali si reggevano le attività sotto indagine.  La definizione di “sistema” individua la presenza di leadership, gerarchie, prassi consolidate e  ruoli. Dagli atti si evince anche che il “sistema” operava in Forza Italia ma aveva  capacità di interlocuzione  esterna  oltre che nell’ambito imprenditoriale, anche nell’ambito di altre forze politiche.

Sorgono quindi alcune osservazioni  che individuano forti responsabilità, se non giudiziarie, sicuramente politiche che non devono essere sottaciute  dietro la cortina mediatica creata dai fatti puramente giudiziari.

  • Negli anni, e non pochi, durante i quali il “sistema” si sviluppava in Forza Italia, ad opera prevalentemente di una persona definita  “non  appartenente al partito” (?),  tutte le attività del partito stesso erano correttamente sotto la responsabilità di  una segreteria e di un Segretario  che al momento non ha ancora espresso  alcun commento in materia.  La sua eventuale  ed ipotetica dichiarazione di non conoscenza  di un fenomeno così diffuso e governato da persone collocate , nella gerarchia funzionale, a livelli praticamente a lui adiacenti  denunciano o una sua incapacità a vigilare o  una sua imperdonabile negligenza,  in ogni caso denunciano una sua completa responsabilità politica  che non  può essere sottaciuta come al momento sta avvenendo.
  • Dagli atti traspare sorprendentemente che anche altri partiti (Lega e PD in particolare)  hanno spesso accettato il vertice del  “sistema” come loro interlocutore privilegiato (ovviamente per questioni di tipo prettamente politico) e hanno anzi assegnato allo stesso un  potere di loro rappresentanza nella conduzione di determinate operazioni (sempre ovviamente di  stampo politico)

Da quanto sopra si può perciò affermare che, fatte salve le responsabilità personali dei  chiamati in causa,  le responsabilità politiche dell’accaduto non ricadono unicamente su Forza Italia ma in qualche misura vanno accettate anche da chi, con la propria accondiscendenza, ha collaborato a dar forza al così detto “sistema”. Il danno  procurato, consistente nel distacco della gente dalla “politica” e nel peggioramento del già deficitario livello di fiducia nella stessa,  è responsabilità che purtroppo, nella nostra provincia,   ha una diffusa paternità e può essere rimediato solo partendo da un chiaro e leale  riconoscimento  di responsabilità  da parte di tutti coloro che , lontani da strumentalizzazioni elettorali, hanno a cuore la ricostruzione del rapporto fiduciario con la gente.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA