TASSA RIFIUTI, SPAZI PER CARICO E SCARICO: LE RICHIESTE ALL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE
Il sindaco visita le aziende storiche di Busto: “La passione fa la differenza”

Nell'ambito del ciclo Impresa Aperta, il sindaco Antonelli con l'assessore Maffioli e il presidente di Confartigianato Varese, Davide Galli, hanno incontrato tre storiche aziende di Busto: la Montalto Bio, Argar e Arti Grafiche Colombo

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

“Busto sta diventando il polo economico della provincia. Oggi può contare su un tessuto economico solido grazie alle intuizioni di tante piccole e medie imprese che hanno dimostrato l’importanza di un made in Italy in grado di rinnovarsi. E grazie anche all’amministrazione comunale di Busto che ha un’attenzione al territorio e alle imprese che non è comune”.
Così ha dichiarato il presidente di Confartigianato Imprese di Varese, Davide Galli, in visita alla Montalto Bio snc di via Palestro 14, insieme agli imprenditori di Argar srl e Arti Grafiche Colombo sas, al delegato di zona Giacomo Ciriacono, al sindaco di Busto Emanuele Antonelli e all’assessore al Commercio Manuela Maffioli. L’incontro si colloca nell’ambito del ciclo Impresa Aperta, promosso in collaborazione con l’amministrazione comunale.

Le tre aziende al centro di questa giornata rappresentano la storia di Busto Arsizio. C’è la Montalto Snc di Giuseppe Montalto, la cui fondazione risale al 1957,  che da sempre ha avuto una grande attenzione per i prodotti naturali. Sin dai primi tempi, in “casa Montalto”, si raccoglievano erbe delle quali si imparava a conoscere le proprietà e le tipicità.
Oggi Montalto è un brand affermato anche all’estero nel settore dei cosmetici biologici: “Realizziamo cosmetici completamente naturali che chiamiamo cibo per la pelle con materie prime di altissima qualità – spiega Giuseppe Montalto, portando in visita gli amministratori locali nel laboratorio dell’azienda in  via Palestro –. Le api fanno parte del nostro sistema di produzione, noi le rispettiamo trattandole nel modo migliore per la produzione della cera che utilizziamo per i nostri rossetti. Lavoriamo molto con l’estero, esportando in Francia, negli Stati Uniti, in Belgio, Norvegia, Taiwan, Cina e a breve in Camerun. Oggi la nostra azienda è alla terza generazione, quello che ci ha permesso di arrivare fin qui è la passione”.

Tra le innovazioni create dall’azienda Montalto, la “Radice di luce”, una pianta che trattiene la luce eterica, creata e brevettata dall’imprenditore, in grado di donare una luce nuova alla pelle del viso.
Montalto ha presentato all’amministrazione comunale una richiesta per la sua attività, che sarà soddisfatta, ovvero uno spazio per il carico/scarico merci: “Da me arrivano trasporti internazionali e non possono far altro che fermarsi in mezzo alla strada, mettendo a rischio l’incolumità dei miei collaboratori”.

La seconda azienda è “Arti Grafiche Colombo”, rappresentata da Maria Grazia Aldeni e Simone Colombo. 70 anni di storia: la sede è in via Libia,  l’azienda ha vissuto le evoluzioni della carta, con il passaggio dalla tipografia alla litografia e, infine, l’approdo digitale. Dopo il nonno Pasquale, che fonda l’impresa  a Busto, in via Milano, ancor prima della Seconda guerra mondiale, succedono al timone dell’azienda, Nino e poi Luigi.
“Il nostro punto di forza è la posizione, ormai storicamente nota ai nostri clienti, e il rispetto della qualità e delle puntualità”, affermano i titolari che hanno chiesto al sindaco la valutazione dell’impatto della tassa rifiuti su imprese che ne smaltiscono gran parte attraverso imprese specializzate. Antonelli ha colto l’occasione per annunciare una novità in merito: “Per i rifiuti speciali, dal prossimo anno, è prevista una riduzione. Per le aziende interessate occorrerà solo presentare una dichiarazione”.

La terza azienda è Argan Srl, con sede in via Massari Marzoli: nata nel 1981  per la confezione di abbigliamento, oggi produce tessuti a maglia protettivi. L’impresa ha imboccato la strada dei tessuti certificati ed oggi è leader nella produzione di tessuti tecnologici antistatici, antiabrasivi, ignifughi ed ecologici con cui si realizzano i capi per la sicurezza sul lavoro. Il titolare Umberto Negri ha dialogato con il sindaco, in particolare sulla “volontà da parte dell’amministrazione comunale di investire sul territorio”. Antonelli ha espresso  la sua ammirazione nei confronti di queste imprese storiche di Busto,  impegnandosi per soddisfare  le loro richieste: “Per me è un piacere essere qui con voi. Sono affascinato dalle vostre imprese e dalla vostra passione, l’ingrediente che fa la differenza”.
Anche l’assessore Maffioli ha elogiato “il coraggio degli imprenditori di investire anche nei momenti più difficili invece di ritirarsi. È lì che c’è lo scatto. Queste aziende sono parte integrante del tessuto storico ed economico e della storia di Busto”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA