MARNATE
Il sogno di Alice è realtà

Inaugurato negli scorsi giorni, presso l’ex casello di Prospiano, il murales dedicato alla piccola Alice, scomparsa prematuramente nel 2005

Loretta Girola

marnate

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Inaugurato negli scorsi giorni, presso l’ex casello di Prospiano, il murales dedicato alla piccola Alice, scomparsa prematuramente nel 2005; in quest’occasione l’Associazione che ne porta il nome, “La casa di Alice”, ha anche premiato i vincitori del concorso di poesie “Un amicizia da sogno”, che ha coinvolto gli alunni delle quarte e quinte elementari della scuola Gabelli e la prima media delle Dante Alighieri. “È stato sicuramente un bel momento per ricordare Alice – spiega il Presidente dell’Associazione Giovanni Rampinini – un momento significativo per tutti noi e che ci ha regalato tante emozioni; il murales, realizzato da Jamal con la collaborazione dei compagni di scuola di Alice, contiene al suo interno anche le poesie scritte durante la degenza in ospedale della piccola, rappresentando in questo modo anche il suo percorso.

Il taglio del nastro, al quale ha partecipato anche l’Assessore Donata Canavesi, ha visto riunirsi presso La casa di alice moltissime persone; insieme a noi, infatti, c’erano i compagni di scuola di Alice, i bambini che hanno partecipato al concorso di poesie e le loro famiglie”.

Ad essere premiati sono stati i primi tre classificati delle quarte, delle quinte e delle prime medie, mentre a tutti gli ottanta piccoli poeti è stato dato un attestato per la partecipazione; inoltre l’Associazione ha offerto la merenda a tutti i bambini presenti, regalando loro anche una maglietta a ricordo dell’evento. “Alice ha sempre detto che il suo sogno era quello di avere una casa con un tetto e con un prato per giocare – conclude Rampinini – ed è questo che da sempre cerchiamo di fare nella nostra sede: dare una casa con un tetto e con un prato a tutte le famiglie di Marnate. È in occasioni come questa, in cui vediamo i bambini correre e giocare sull’erba, vivendo appieno questo pezzo di valle che è diventato la nostra casa, che sappiamo di essere riusciti nel nostro intento, e questo ci riempie sempre di emozione”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA