TIGROTTI IN VALTELLINA DAL 16 al 28
Sondalo aspetta la Pro Patria

Il sopralluogo di Turotti e Gonnella ha dato il definitivo via libera: l'hotel Delle Alpi e il campo sportivo comunale di Sondalo saranno le basi operative del ritiro tigrotto

Mattia Brazzelli Lualdi

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Stessa spiaggia, stesso mare? No, stessa montagna, stesso ritiro e stessa amichevole di lusso. Per il terzo anno consecutivo la Pro Patria svolgerà il ritiro precampionato in Valtellina, allenandosi e soggiornando a Sondalo: dal 16 al 28 luglio.

Siamo onorati ed orgogliosi di poter ospitare ancora la Pro Patria nella nostra splendida Valtellina – fa sapere l’Assessore allo Sport di Sondalo Paolo Menini – anche perché la nostra città ha dimostrato di portare bene, prima all’Entella, promossa tre anni fa in serie B; poi alla Pro Patria, capace di ritornare fra i professionisti, cucendosi sul petto lo scudetto di serie D, e di partecipare ai playoff per la serie B. Il merito di tale risultati è sicuramente da ricercare nel lavoro di mister Javorcic e dei suoi ragazzi e nell’organizzazione societaria della presidentessa Testa, ma da Assessore mi piace anche pensare (e dire….) che il buon ossigeno delle nostre montagne abbia contribuito a questi successi“.

Soggiorno e pernottamento all’hotel Delle Alpi, allenamenti sul campo di Sondalo e amichevole col Torino:

Venerdì ci siamo incontrati a Sondalo col diesse Turotti e il team manager Gonnella – spiega Menini – definendo gli ultimi dettagli logistici e operativi: alla Pro Patria quest’anno, oltre ad un terreno ben curato e ben tenuto, potremo offrire spogliatoi freschi di ristrutturazione, per rendere più confortevole il pre e post allenamento, garantendo l’amichevole col Torino a Bormio“.

Cosa significa la Pro Patria per Sondalo?

La Pro Patria fa parte della storia del calcio italiano. E per noi dell’Alta Valtellina avere Torino e Pro Patria in ritiro nelle nostre terre significa avere il meglio della storia per la serie A e per la serie C. E poi alla Pro Patria, con quel nome così particolare e quella maglia così unica, ci siamo un po’ affezionati tutti, tant’è che nella scorsa stagione ci siamo recati allo “Speroni” per assistere al big match con l’Entella, vinto alla grande dei tigrotti. Di quella partita ricordo ancora il lavoro oscuro e le sportellate di Mastroianni: non aveva svolto il ritiro a Sondalo con la Pro, ma in campo aveva battagliato come un vero sondalino“.

Dopo la foto di rito con Santana, quest’anno dunque toccherà a Mastroianni:

Da tifoso del Chievo – si congeda il buon Paolo Menini – Marito resta e rimane il mio idolo per classe e qualità, ma chi suda la maglia in campo merita sempre rispetto e ammirazione“.

Per visitare la pagina dedicata alla Pro Patria e alle vicende biancoblù, clicca qui

Copyright @2019