Il consigliere tocca con mano lo stato di degrado
Sopralluogo in stazione a Castellanza, Astuti vuole “sollecitare la Regione a intervenire”

La situazione di degrado in cui versa la stazione di Castellanza è ormai fuori controllo, a distanza di tre anni dalla fine dei lavori sono molte le cose che non vanno. A toccare con mano la situazione è stato il neo-consigliere regionale del Pd, Samuele Astuti

Loretta Girola

castellanza

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La situazione di degrado in cui versa la stazione di Castellanza è ormai fuori controllo, a distanza di tre anni dalla fine dei lavori sono molte le cose che non vanno, e nella mattinata di mercoledì 9 maggio il consigliere regionale Samuele Astuti si è recato a fare un sopralluogo per constatare di persona lo stato dello stabile. A illustrare quello che non va è il Segretario del PD castellanzese Alberto Dell’Acqua: “I lavori della nuova stazione si sono conclusi tra i cinque e i tre anni fa, e chiunque la frequenti può vedere lo stato di degrado in cui versa dopo così poco tempo. Certe parti della struttura sembrano essere vecchie di decenni; la pavimentazione, ad esempio, è rotta e divelta in più punti e questo comporta anche rischi per le persone, che potrebbero inciampare e farsi seriamente male. Le macchie di umidità e la vernice scrostata sono una costante su quasi tutti i muri, e questo fa sì che negli spazi chiusi, come la biglietteria, oltre alle tracce di degrado ci sia un forte odore di umidità e di muffa. I bagni sono chiusi e non accessibili, e molti spazi sono abbandonati a se stessi, nonostante da tempo si sia fatta richiesta per poterli usare come sede delle Associazioni o come sale espositive; questo, oltre che far diminuire il degrado della struttura in generale, permetterebbe anche di aumentare la sicurezza durante le ore serali quando, a causa dello scarso passaggio, la stazione diventa il luogo di ritrovo prediletto di personaggi non certo raccomandabili”.

“Sono molte le preoccupazioni che destano le Ferrovie Nord – commenta Samuele Astuti – sia per quanto riguarda il servizio, i cui ritardi sono ben conosciuti da tutti, sia per quello che concerne la sicurezza, sia nei treni che, come in questo caso, nelle stazioni. Negli scorsi anni sono stati fatti degli investimenti in proposito, ma a quanto pare i risultati non sono certo rilevanti; è per questo che intendo presentare un’interrogazione per sollecitare la Regione a intervenire nei confronti della sua partecipata per effettuare i lavori necessari per risolvere i problemi di questa stazione. Ritengo, inoltre, che la qualità dei lavori fatti vada verificata, del resto tutti ricordiamo che questa stazione fu inaugurata in fretta e furia dalla giunta regionale di allora, e questa è la testimonianza concreta dei risultati a cui porta la politica delle inaugurazioni”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA