Segnalati anche cinquanta acquirenti
Spaccio nei boschi di Busto, due fermi dei carabinieri

Continuano i servizi di controllo dei carabinieri nelle aree boschive dei comuni di Busto e Castellanza. Fermati un cinquantenne pregiudicato ed un giovanissimo “fattorino” che si occupa dello scambio di droga e denaro per conto dei pusher. Anche 50 segnalazioni per abituali acquirenti ed assuntori di stupefacenti

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Continuano i servizi di controllo dei carabinieri nelle aree boschive dei comuni di Busto e Castellanza. Durante uno di questi appostamenti, i militari della compagnia cittadina hanno arrestato un 50enne, pregiudicato. L’uomo, sorpreso mentre usciva dalla boscaglia dopo aver acquistato dello stupefacente per uso personale, alla vista dei carabinieri ha provato a darsi alla fuga ma è stato raggiunto poco dopo e fermato. Nel corso delle successive fasi di identificazione, si è scoperto che il cinquantenne risultava colpito da un ordine di detenzione ai domiciliari, emesso dal Tribunale di Busto, essendo stato condannato alla pena di 2 anni per reati connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti (circa dieci anni fa era stato arrestato per avere trasportato un chilogrammo di hashish).

Nel corso dei medesimi servizi sono stati fermati un 17enne, trovato in possesso di una quindicina di grammi di hashish oltre a denaro contante, e cinquanta acquirenti, abituali assuntori di sostanze stupefacenti, trovati tutti in possesso di modiche quantità di hashish ed eroina. Il diciassettenne, secondo quanto rilevato dai militari, si ritiene svolgesse funzioni di “trasporto” dello stupefacente dall’interno all’esterno dei boschi, nel luogo indicato per lo scambio di denaro e droga. La successiva attività di bonifica svolta all’interno dell’area ha permesso ai carabinieri di individuare l’esatto luogo dove avveniva lo spaccio: una piccola altura da dove si scorge l’ingresso nell’area e da cui è possibile fuggire nella boscaglia.

Copyright @2019