- InformazioneOnLine - http://www.informazioneonline.it -

Sport Management, sfuma l’impresa: il Ferencvaros alza l’Euro Cup

Niente da fare per la Sport Management [1]: la Len Euro Cup resta ancora in Ungheria, in mano dei campioni in carica del Ferencvaros Budapest. Nel return match alla “Manara”, davanti al pubblico delle grandissime occasioni (1.500 spettatori, tra cui il finalista dell’Isola dei Famosi Amaurys Perez, la presidentessa della Pro Patria Patrizia Testa ed il patron della Uyba Giuseppe Pirola) , lo spettacolo è prima sugli spalti con tanto di coreografia da brividi (“e ora insieme scriviamo insieme la storia“), poi in acqua.
Alla ricerca del primo storico successo societario, i mastini di Gu Baldineti, dopo una partenza schock (0-4) figlia della tensione e della pressione per la posta in palio, accarezzano il sogno di una rimonta da leggenda (4-4 con la porta bustocca sbarrata per quasi 16 minuti), ma nell’ultimo quarto pagano tutta la stanchezza fisica e nervosa, arrendendosi a testa alta di fronte all’indiscussa qualità e a comprovata esperienza della corazzata ungherese, in grado di imporsi per 5-8 e di alzare così il trofeo davanti ai cinquanta e passa tifosi ungheresi sbarcati in Italia.
Durante la premiazione, da segnalare e sottolineare gli sportivissimi applausi del pubblico di Busto, capace di dare anche nell’amarezza e nella delusione di una sconfitta una grande lezione di sport e civiltà.

Le dichiarazioni del post partita
Coach Baldineti: “Avevo messo in preventivo la tensione, ma francamente, da una squadra con giocatori esperti, avrei voluto vedere una diversa reazione: in quella falsa partenza, abbiamo probabilmente perso la finale, perché poi nell’ultimo quarto abbiamo pagato tutta la stanchezza della rimonta“.

Capitan Gallo:In questo momento il morale è inevitabilmente sotto i piedi, ma anche nella delusione della sconfitta dobbiamo imparare a vedere e comprendere il lato positivo: queste partite, pur facendo male, fanno crescere“.

Patron Tosi: “Ad Ortigia (sede delle finali scudetto-ndr) si chiuderà il nostro primo ciclo triennale, per poi poi ripartire alzando ulteriormente l’asticella cercando di mettere in bacheca il primo trofeo“.

Il film della finale
L’avvio della finalissima è schock per i mastini (privi del febbricitante Drasovic), con gli ungheresi a segno a ripetizione: dopo il poker magiaro (0-4) è Petkovic a firmare il primo gol dei bustocchi, riaccendendo la luce.

Scrollatisi di dosso la tensione, Gallo e compagni iniziano finalmente a carburare, prima accorciando le distanze con Gallo e Mirarchi, poi sfiorando addirittura il pari prima dell’intervallo.

Parità (4-4) che arriva meritatamente in avvio di terzo set con Baraldi che fa esplodere la “Manara”. Gli ungheresi, a secco dal primo periodo, colgono due legni clamorosi, mentre Di Somma si fa parare la rete del possibile sorpasso; Blary si inventa una stoppata stile basket, la traversa salva ancora Lazovic (il migliore in campo), ma il palo dice no anche a Gallo, prima del gol di Jansik del 4-5 che interrompe l’astinenza del Ferencavros.

Nell’ultimo quarto i mastini pagano tutta la stanchezza della rimonta, provando a restare in partita con Petkovic, ma quando Jansik e Varga firmano le reti del 5-8, intervallate dalla traversa colpita da Mirarchi, per la Sport Management la coppa è ormai sfumata, mentre per il Ferencvaros e i suoi tifosi è l’inizio della festa.

La sequenza dei gol
Primo tempo: 0-1: Sziranyi, 0-2: Vamos, 0-3: Madaras (sup), 0-4: D.A. Varga (rig), 1-4: Petkovic
Secondo tempo: 2-4: Gallo (sup), 3-4: Mirarchi
Terzo tempo: 4-4: Baraldi (sup), 4-5: Jansik
Quarto tempo: 4-6: Nikic, 5-6: Petkovic (sup), 5-7: Jansik, 5-8: Varga

Il tabellino
Sport Management Busto A- Ferencavros Budapest: 5-8
(1-4, 2-0, 1-1, 1-3)
BANCO BPM SPORT MANAGEMENT: Lazovic, Di Somma, Blary, Figlioli, Fondelli, Petkovic 2, Panerai, Gallo 1, Mirarchi 1, Luongo, Baraldi 1, Valentino, Nicosia ne. Allenatore: Baldineti
FTC FERENCVAROS:  Gardonyi ne, Sedlmayer, Madaras 1, Manhercz, Vamos 1, Sziranyi 1, Nikic 1, Jaksic, R. Varga, A. Varga 2, Jansik 2, Mitrovic, Vogel. Allenatore: S. Varga.
ARBITRI: Franulovic (Cro), Naumov (Rus)
NOTE: superiorità numeriche: Sport M. 13 (3); Ferencvaros 8 (1)+1rig. Usciti per 3 falli: R Varga nel 4tempo