Gruppo Giovani Imprenditori
STEM like a lady

Importante progetto formativo dedicato alle studentesse del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Alto Milanese

Luciano Landoni

legnano

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Si fa un gran (stra)parlare di “quote rosa” in ambito professionale, però la realtà è molto diversa rispetto alle dotte (e anche un po’ ipocrite) teorizzazioni.

Soprattutto in merito a determinate professioni, in particolare quelle tecnico-scientifiche che secondo un radicato luogo comune sarebbero (quasi)esclusivo appannaggio dei maschi.

Le stesse studentesse sono vittima di questa diffusa convinzione, tanto è vero che fra i 13 e i 17 anni il loro interesse per le “materie STEM” (Scienza, Tecnologia, Ingegneria, Matematica) si attenua considerevolmente.

Un condizionamento esterno che oggettivamente continua ad escludere le donne da aree strategiche del mercato del lavoro e che altrettanto oggettivamente rischia di privare/impoverire il sistema Paese di “talenti rosa” in un contesto – quello tecnico-scientifico – basilare per incrementare competitività e attrattività del sistema stesso.

Il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Alto Milanese (CAM) – attraverso il supporto di Rancilio Group Spa (Parabiago), della Banca Cooperativa del Credito (Busto Garolfo e Buguggiate), di JCI Varese e di Class Editori – ha deciso di andare controcorrente e di ribaltare il luogo comune di cui sopra proponendo il progetto “STEM, Like a Lady”.

“L’idea – precisa il presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di CAM Egidio Alagia – è nata dall’esigenza di combattere il ‘gender gap’nelle professioni STEM. La percentuale di donne che occupano posizioni in questi settori, in Italia, è infatti tra le più basse dei Paesi Ocse. Con la rivoluzione 4.0 le imprese del futuro avranno sempre più l’esigenza di avere persone qualificate e competenti, indipendentemente dal loro sesso. Inoltre, è provato che le aziende al cui interno è attiva una significativa ‘quota rosa’ sono le stesse che ottengono le migliori performance. Occorre contrastare in ogni modo questa assurda discriminazione in virtù della quale una ragazza davvero appassionata al ‘mondo scientifico’ si sente quasi obbligata a ‘cambiare strada’ per evitare – conclude Egidio Alagia – di ‘invadere’ un’area … da uomini”.

Dalle parole ai fatti concreti: a partire da una “sfida” proposta da Rancilio Group Spa, dei team capitanati dalle Project Leader saranno chiamati a elaborare un nuovo concept di prodotto, una soluzione innovativa e/o sostenibile, un servizio, un miglioramento organizzativo o di processo.

Dovrà poi essere realizzato un video di presentazione che sarà esaminato da una Giuria ad hoc.

“Chiederemo  alle Project Leader di pensare cosa potrebbe fare ‘di più’ la macchina del caffè Rancilio così da offrire un servizio innovativo. Il nostro prodotto – sostiene Giorgio Rancilio, AD Rancilio Group – interagisce con numerose fasi operative: dalla torrefazione alla preparazione del barista fino al consumo finale da parte del cliente. Vorremmo che le squadre pensassero  ad una nuova modalità di interconnessione tra questi attori sfruttando le potenzialità della rivoluzione digitale. Daremo alle ragazze la possibilità – continua Giorgio Rancilio – di visitare e vedere da vicino i nostri reparti produttivi e le affiancheremo in questo percorso ai nostri manager, affinché questa esperienza sia per loro l’occasione di lavorare su skill utili al mondo del lavoro”.

“E’ bene che in una prospettiva occupazionale la presenza ‘rosa’ in ambito tecnico-scientifico trovi una partecipazione maggiore”, sottolinea Roberto Scazzosi, presidente della BCC di Busto Garolfo e Buguggiate.

Le 5 migliori idee saranno presentate il 2 dicembre nell’ambito di un evento pubblico che si svolgerà all’auditorium “Don Besana” della BCC; le “Donne Steam” illustreranno i loro progetti operativi e una Giuria di esperti premierà il più valido.

“La squadra vincitrice – conclude Paolo Bellotti, presidente JCI Italy – avrà l’opportunità di partecipare al nostro contest nazionale su ‘Gender Equality’ riadattando, con il supporto di professionisti, il video creato ad un contesto nazionale dove possa emergere la difficoltà da parte della donna di superare il ‘gap’ di genere”.

Il progetto verrà poi presentato al Salone dello Studente di Roma “1 2 3 Scienze” che avrà luogo dall’8 al 10 novembre: una manifestazione nata dall’esperienza editoriale di Campus Class Editori e dedicata all’orientamento universitario, formativo e professionale.

Copyright @2017

NELLA STESSA CATEGORIA