I PROGETTI ELABORATI SARANNO PRESENTATI IN UNA MOSTRA ORGANIZZATA DALL’Università
Studenti del Politecnico in sopralluogo all’area delle Nord

Cinquanta studenti del terzo anno del Politecnico di Milano, iscritti al laboratorio di progettazione per l’arredo degli spazi urbani, guidati dal professor Michele Ugolini, sono arrivati a Busto per elaborare un progetto sul piano di riqualificazione dell’area delle Nord

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Si sono fermati per tutta la mattinata a Busto Arsizio, prima di arrivare intorno alle 14.30 a fare il sopralluogo vero e proprio nell’area delle Nord. Cinquanta studenti del terzo anno del Politecnico di Milano, iscritti al laboratorio di progettazione per l’arredo degli spazi urbani, guidati dal professor Michele Ugolini, hanno il compito di stendere una bozza progettuale sul piano di riqualificazione dell’area, con particolare riguardo all’immenso parco lineare che dovrebbe connettere più percorsi per la città. In particolare presenteranno idee su come organizzare la parte pubblica, con spazi verdi, piazze e luoghi di ritrovo, per ridisegnare il futuro dell’area.

“Abbiamo colto questa opportunità per avere un interessante punto di vista esterno – spiega l’assessore all’Urbanistica, Isabella Tovaglieri – gli studenti hanno già visionato il “rendering” del progetto, adesso dovranno immedesimarsi negli spazi reali cercando di immaginarli al di là dello stato di fatto”.

Dopo un lungo tour compiuto per le vie del centro, per capire il sistema della città con le piazze e i viali d’accesso, ecco la prima impressione del professor Ugolini: “Siamo nel cuore pulsante ed economico del Paese. Busto è una cittadina ricca, ha molte zone interessanti ed una storia antica alle spalle che proviene da un secolo di industrializzazione. È più grande del 60/70 per cento dei capoluoghi di provincia italiani”.

Dopo il sopralluogo di giovedì 28 marzo, gli studenti predisporranno dei lavori di analisi e mappatura e, contestualmente, inizieranno a creare il progetto, suddivisi in gruppi, ciascuno dei quali svolgerà un approfondimento che sarà oggetto di esame e dovrà essere presentato entro la fine di luglio. Al termine, il Politecnico organizzerà una mostra in cui saranno esposti tutti i disegni e i modelli elaborati dagli studenti.

“Dico alle amministrazioni che non siamo professionisti, non è il nostro ruolo, ma possiamo dare spunti utili – osserva il prof. Ugolini – Per noi è un’opportunità per uscire dalle mura dell’università e aprirci al mondo esterno, per l’amministrazione un’occasione per riflettere sul futuro dell’area. È uno scambio proficuo per entrambi”.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA