AL PALAYAMAMAY
Successo per la 50esima Coppa Shotokan

La gara ha coinciso con i 40 anni di insegnamento del karate a Busto Arsizio della Polisportiva Bu Do Kan del M° Giorgio Gazich

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nella straordinaria cornice del Palasport Maria Piantanida-PalaYamamay, fiore all’occhiello dell’Amministrazione Comunale,  scenario di tante manifestazioni e teatro dello sport di altissimo livello, grande protagonista è stato il karate tradizionale con la prestigiosa gara “50° COPPA SHOTOKAN”  svoltasi domenica primo dicembre.

L’appuntamento era significativo e simbolico allo stesso tempo:  i 40 anni di insegnamento del karate a Busto Arsizio della Polisportiva Bu Do Kan del M° Giorgio Gazich coincidono quest’anno proprio con la 50° edizione della “gara delle gare”, svoltasi sotto l’egida dell’Istituto Shotokan Italia, Ente Morale,  che rappresenta la scuola del Maestro Hiroshi Shirai,  10° Dan, promotore e divulgatore del karate tradizionale in Italia.  E proprio il Maestro Gazich ha voluto sottolineare questa particolare coincidenza con l’organizzazione di questa straordinaria  manifestazione,  patrocinata dal Comune di Busto Arsizio, dall’Assessorato Giovani e Sport della Regione, dalla Provincia di Varese, dall’ASSB, dalla Panathlon La Malpensa, dal Coni Provinciale, dall’ACSI, dall’US ACLI.

L’Amministrazione Comunale ha sostenuto non solo questo evento ma anche tutte le altre iniziative organizzate e ancora in calendario per la celebrazione di questo quarantesimo del BU DO KAN nella nostra città.

Gli atleti presenti, selezionati dai Comitati Regionali tra i migliori classificati nel kata (forma) e nel kumite (combattimento), hanno dato grande spettacolo, con una gara di altissimi livello non solo per le performances ma soprattutto per lo spirito sportivo  che ha permeato tutta la giornata, improntato al massimo rispetto per l’avversario, nel vero e autentico spirito  del karate tradizionale.

Nell’intervallo tra le eliminatorie e le finali ha invece “occupato la scena” un centinaio di giovanissimi agonisti del C.S.A.K. (Centro Specializzazione Agonisti Karate) della Lombardia con una dimostrazione di grande effetto.  I Maestri responsabili di questo “vivaio” delle future promesse per l’agonismo, tra i quali figura l’allievo del M° Gazich, Andrea Grasselli, 6° Dan,  si sono esibiti  a loro volta in dimostrazioni di kata, bunkai e kumite.   Il gruppo Fudendaiko, del tempio buddista di Fudenji,   ha accompagnato le dimostrazioni con il suono imponente e solenne dei tamburi Taiko, espressione dell’arte e della tradizione giapponese.

Hanno portato il saluto dell’Amministrazione Comunale il Sindaco, Emanuele Antonelli, e l’Assessore all’Educazione e Sport, Gigi Farioli, che hanno ricordato come questo fosse il secondo appuntamento prestigioso per il karate a Busto dopo quello del 2011,  anno in cui, alla presenza del Console generale del Giappone, proprio al Palayamamay, alla 43° Coppa Shotokan,  è stato conferito al M° Shirai il grado di  10° Dan.

Hanno partecipato all’evento e portato il saluto il Presidente ASSB, Massimo Tosi, il segretario della Panathlon La Malpensa, Sergio Allegrini, il prof. Vitale Monti, Presidente Provinciale ACSI, il Direttore dell’Informazione On line e scrittore Gianluigi Marcora.

Ha accolto l’invito a partecipare all’evento il Sindaco di Castellanza, Mirella Cerini, presente nelle fasi delle premiazioni con il delegato allo sport , Luigi Croci; entrambi hanno sottolineato la vicinanza dell’amministrazione castellanzese al karate tradizionale, ospitato più volte al palasport di Castellanza in occasione di Campionati Italiani Assoluti   e di stage nazionali di aggiornamento tecnici della F.I.K.T.A.

In quanto all’esito delle gare, va sottolineato l’ottimo il risultato per la rappresentativa della Regione Lombardia: molti atleti sul podio degli individuali e medaglia d’argento nel kumite per la  squadra maschile , di cui faceva parte l’atleta del Bu Do Kan Bougdaoua Kamal,  ad un soffio dall’oro vinto dalla rappresentativa del Piemonte.

L’immenso impegno organizzativo della Polisportiva Bu Do Kan, del suo Direttore Tecnico, M° Gazich, dello staff dirigenziale rappresentato dal Vice Presidente Marco Colombo, dallo staff tecnico con il M° Andrea Grasselli, di tutti i collaboratori e i soci,  è stato alla fine premiato dall’esito della giornata, coronata dalla presenza di tantissimi atleti, dai rappresentanti delle Istituzioni del Comune di Busto e Castellanza, dai rappresentanti dello sport e da un folto pubblico di appassionati grandi e piccoli.

Gli eventi del 40° di karate del Bu Do Kan continuano con la mostra dell’artista giapponese Shuhei Matsuyama, che esporrà le sue opere alla Sala delle Feste del Museo del Tessile dal 5 al 10 dicembre prossimo; concluderà le celebrazioni un seminario sul ruolo educativo e formativo del karate che si terrà ai Molini Marzoli a febbraio.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA