INTENSIFICATI ANCHE I CONTROLLI
Una telefonata può costarti la vita

Ha preso il via negli scorsi giorni la campagna promossa dal Comune di Olgiate Olona e dalla Polizia Locale contro l’uso del telefonino durante la guida; “tre incidenti su quattro sono dovuti alla distrazione mentre si guida” spiega il Comandante della Polizia Locale Alfonso Castellone

Loretta Girola

olgiate olona

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Ha preso il via negli scorsi giorni la campagna promossa dal Comune di Olgiate Olona e dalla Polizia Locale contro l’uso del telefonino durante la guida; “tre incidenti su quattro sono dovuti alla distrazione mentre si guida” spiega il Comandante della Polizia Locale Alfonso Castellone.

Sulla scorta delle indicazioni del Ministero della Salute, dunque, sono stati affissi dei manifesti che invitano i guidatori a evitare di impiegare il cellulare per telefonate o Sms mentre si è al volante. “Tre incidenti su quattro sono dovuti alla distrazione mentre si guida, e una delle cause principali di distrazione è proprio l’uso dello smartphone – sottolinea Castellone – Chattare, scattare selfie e foto al volante significa perdere da 1 a 4 secondi di attenzione sulla strada e quando si è al volante, perdere 1 solo secondo a 50 all’ora vuol dire percorrere 15 metri di buio, di perdita totale di controllo della strada. Quattro secondi sono più di 60 metri e in 60 metri, soprattutto in città, può succedere di tutto. Il potere ipnotico dei telefonini cattura un po’ tutti gli automobilisti con grave pericolo per la vita delle persone.

Nell’ultimo triennio, la violazione alla norma di comportamento maggiormente elevata dalla Polizia locale di Olgiate Olona è stata quella del mancato uso di cinture (25% del totale) e la seconda proprio quella dell’uso irregolare del cellulare alla guida (17% del totale). Contestualmente alle giuste campagne di sensibilizzazione, la Polizia Locale olgiatese, intensificherà la propria attività di controllo del rispetto di questa norma di buon senso, anche con l’utilizzo del telelaser di ultima generazione, che consente di verificare a distanza di 400/500 metri, se il conducente indossa la cintura o fa uso di cellulare alla guida, nonché con agenti in servizio senza la divisa ordinaria su motocicli senza insegna, meno “individuabili” da chi è alla guida.
Pertanto, fate attenzione voi che siete abituati a questa malsana abitudine: una telefonata può costarvi la vita, o alleggerirvi il portafoglio, o la patente di guida!”.

“Si tratta di un’iniziativa fondamentale – conclude l’Assessore Mauro Carnelosso – visto l’incremento del numero di incidenti stradali, purtroppo anche gravi, che avvengono sulle strade per disattenzioni dovute all’utilizzo dei cellulari. I dati ufficiali relativi al 2017 riportano più di 36mila incidenti in Italia imputabili a guida distratta. Questa è una prima campagna di prevenzione del mio mandato che sarà riproposta nel tempo, a cui se ne aggiungeranno altre nel 2020 legate a temi quali la guida in stato di ebrezza, corretti stili di vita e alimentazione”.

Copyright @2019