POLIZIA DI VARESE
Tenta la fuga con 90 dosi di cocaina. Arrestato

L'uomo è stato bloccato dopo un inseguimento di oltre 500 metri, durante il quale il malvivente ha scavalcato una serie di muri e cancellate provocandosi ferite alle mani

VARESE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La Polizia di Stato, dopo un lungo inseguimento, hanno arrestato un  albanese per il reato di detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti.

Tutto ha avuto inizio nelle prime ore di lunedì pomeriggio, quando un equipaggio dell’Ufficio controllo del territorio della Questura di Varese, impegnato nell’attività finalizzata ad assicurare il rispetto delle norme legate al contenimento del rischio di diffusione del virus COVID – 19, notava, nei pressi di Largo Flaiano, un soggetto a piedi che, alla vista degli Agenti, cambiava repentinamente direzione tentando di eludere il controllo degli operatori, i quali, insospettiti dall’atteggiamento dell’uomo, decidevano di cambiare senso di marcia e di procedere alla sua identificazione.

A questo punto l’uomo, accortosi che i Poliziotti si stavano dirigendo verso di lui, dopo aver tentato di disfarsi di alcuni barattoli in suo possesso, prontamente recuperati dagli operatori, si dava ad una precipitosa e rocambolesca fuga a piedi. E’ iniziato così un inseguimento per un tratto di strada di oltre 500 metri, durante i quali il malvivente ha scavalcato una serie di muri e cancellate provocandosi ferite alle mani, prima di essere bloccato all’altezza di via Sant’Imerio dai Poliziotti, che non l’avevano mai perso di vista.

Assieme allo straniero venivano quindi recuperati i  barattoli abbandonati dallo stesso all’inizio della fuga, all’interno dei quali gli operatori rinvenivano ben 90 involucri di cocaina pronta per essere smerciata al dettaglio e che avrebbe fruttato al mercato illecito diverse migliaia di euro. Per questo l’uomo veniva arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Assieme alla cocaina, purissima e ben confezionata, gli Agenti sequestravano denaro contante e due telefoni cellulari provento dell’attività illecita. Su disposizione del P.M. di turno presso la Procura di Varese, l’uomo è stato sottoposto ai domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.  

Copyright @2020