SCATTA IL DIVIETO DI AVVICINAMENTO
Tentò il suicidio in ospedale: da anni il marito la maltrattava

Gli accertamenti dei Carabinieri hanno fatto emergere una situazione familiare molto pesante. Decisivo il supporto di Eva Onlus

Ospedale Busto Arsizio

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nelle scorse ore i Carabinieri di Busto Arsizio hanno notificato il provvedimento cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento alla parte offesa nei confronti di un 55enne italiano, marito della donna che alcune settimane fa aveva tentato il suicidio lanciandosi dal quinto piano dell’ospedale di Busto Arsizio.

Gli accertamenti svolti dai Carabinieri intervenuti in ospedale avevano fatto emergere una situazione di perduranti maltrattamenti in famiglia commessi, da diverso tempo, dal marito della vittima. Il provvedimento, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Busto Arsizio, ha accolto integralmente gli esiti della complessa attività svolta dai militari dell’Arma, coordinati dalla locale Procura della Repubblica.

Determinante nella vicenda anche il supporto anche del personale di “Eva Onlus”, ente certificato che stabilmente collabora con la Procura ed il Tribunale per il sostegno logistico e legale alle donne maltrattate.

La donna, tuttora ricoverata in struttura sanitaria in gravi condizioni – ma non più in pericolo di vita – non aveva mai denunciato ad alcuna forza di polizia né confidato a nessuno i gravi maltrattamenti subiti dal marito per molti anni.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA