A maggio 2020
Torna BA Book, il festival del libro

Il prossimo sarà l’anno del tanto atteso ritorno di BA Book, l’iniziativa culturale interamente dedicata alla letteratura che si terrà dal 17 al 24 maggio prossimo. Un grande progetto, che vede coinvolta la biblioteca comunale e tutte le librerie cittadine

Simone Testa

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il 2020 sarà l’anno del tanto atteso ritorno di BA Book, l’iniziativa culturale interamente dedicata alla letteratura che si terrà dal 17 al 24 maggio prossimo. Un grande progetto, che vede coinvolta la biblioteca comunale e tutte le librerie cittadine (Dondolibro, Ubik, Libraccio, Libreria Boragno, I libri e i giorni, Libreria della Basilica e Caffè Letterario).

Obiettivo principale, la promozione della cultura: “BA Book sarà un vero e proprio festival del libro, che nasce dalla richiesta da parte di numerosi cittadini e dalla volontà da parte dell’amministrazione comunale di andare incontro a questa esigenza e di aggiungere, quindi, un importante tassello all’offerta culturale di Busto Arsizio – spiega il vicesindaco e assessore alla cultura Manuela Maffioli -. Per il ritorno di questa importante manifestazione letteraria stiamo pensando ad una formula rivisitata, volta a promuovere tutte le librerie cittadine con incontri ed eventi che si terranno nei loro locali o cortili”. Presentazioni di libri, incontri con gli autori, ma anche molto altro: “Saranno diversi gli appuntamenti che si terranno nella sala Monaco della biblioteca comunale, con momenti di lettura ed altre attività attorno al libro”.

L’evento, presentato con largo anticipo “è la dimostrazione che Busto Arsizio punta forte sulla valorizzazione dei libri e della cultura – prosegue Maffioli -. A partire dai prossimi giorni, in tutte le librerie verrà messo in distribuzione un segnalibro che promuoverà BA Book. Sempre attorno al tema libro ruota anche tutto l’investimento che l’amministrazione comunale sta portando avanti sulla biblioteca (sala gaming e molto altro), che puntiamo a farla diventare un centro culturale di confronto, scambio e crescita per tutti i cittadini di tutte le età. Soprattutto per i più piccoli, cui son rivolte numerose iniziative”.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA