PRIMA PONTIDA DA EURODEPUTATA
Tovaglieri: “Noi con il nostro popolo, altri attaccati alla poltrona”

L’ex vicesindaco di Busto sul palco della manifestazione dedicata ai giovani

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Prima partecipazione a Pontida da eurodeputata per Isabella Tovaglieri. L’ex vicesindaco di Busto Arsizio è intervenuta sabato sera alla tradizionale manifestazione dedicata ai giovani.
“Sono orgogliosa di essere salita sul palco di Pontida Giovani, per la prima volta da eurodeputata eletta, dopo aver partecipato a numerose edizioni da semplice militante e ‘giovane padana’ – sottolinea Tovaglieri, che stava parlando dal palco quando è arrivato Matteo Salvini, accolto da una vera e propria ovazione -. L’entusiasmo e le presenze da record registrate a Pontida quest’anno solo la migliore risposta a chi dà la Lega per spacciata. Siamo stati traditi dai nostri ex alleati e dal presidente del consiglio Conte, che si è prestato al peggiore degli inciuci, ma sono loro i vinti, i poltronari arroccati nei palazzi dopo aver perso le elezioni a tutti i livelli, terrorizzati di misurarsi con le urne. E io sono orgogliosa che la Lega non abbia ceduto ai ricatti, perché noi vogliamo continuare a guardare negli occhi i nostri elettori e ci teniamo a quella dignità che altri hanno perso pur di salvare la poltrona“.

Accolta anche lei da grande entusiasmo e da qualche coro da stadio, Isabella Tovaglieri ha ringraziato ripetutamente i Giovani del Carroccio, “la vera grande splendida famiglia della Lega”, dalla quale è stata designata per una candidatura a Bruxelles. “Se ce l’ho fatta, è solo per merito vostro. La mia voce in Europa sarà sempre la vostra voce“, la promessa dell’europarlamentare bustocca. Rispetto al suo lavoro a Bruxelles, l’europarlamentare bustocca ha preannunciato che è pronta a tirar fuori le unghie nelle commissioni in cui è stata nominata, la commissione FEMM sui diritti delle donne (“Non mi batterò per le quote rosa di cui non abbiamo bisogno, ma sarò ferma nella battaglia contro la violenza sulle donne, non un modo ideologico ma con la concretezza dimostrata dalla Lega al governo con la legge sul Codice Rosso”) e la commissione Industria (“in primis per la tutela del Made in Italy”).
Sul “pratone” erano presenti anche i giovani della Lega di Busto Alessandro Della Marra, Luca Alessandro, Stefano Lupo, Thomas Guerini, Pier Vittorio Scimia e Vincenzo Marra.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA