GUARDIA DI FINANZA DI VARESE E MALPENSA
Traffico internazionale di droga: arresti e 18 chili di coca sequestrati

Operazione chiamata “Black Snow” perché inizialmente la cocaina era mischiata a una sostanza nera per depistare i cani antidroga

MALPENSA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La Guardia di Finanza di Malpensa ha arrestato sette persone a conclusione di un’indagine per traffico internazionale di stupefacenti nell’ambito di una più ampia attività che ha permesso il sequestro di oltre 18 chili di cocaina proveniente dal Sudamerica e dall’Olanda.

L’operazione denominata “Black Snow”, perché in un primo momento la cocaina era miscelata ad una sostanza vegetale di colore nero (per depistare i cani antidroga in servizio in aeroporto), ha avuto inizio nel novembre 2016 con l’arresto di un cittadino peruviano per detenzione di oltre 10 chili di cocaina, abilmente occultata in una valigia.

Le successive indagini, svolte dalle Fiamme Gialle varesine, sotto la costante direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio, hanno svelato l’esistenza di un pericoloso sodalizio criminoso avente base logistica nelle province di Savona, Asti e Torino con diverse “filiali” anche nel territorio elvetico, in grado di approvvigionarsi della sostanza stupefacente direttamente dal Perù e dall’Olanda.

Le indagini, supportate dall’analisi dei trasferimenti di denaro, indagini finanziarie tipiche della polizia economico – finanziaria, osservazioni, pedinamenti, attività tecnica e di intercettazione ambientale, utilizzo di cani antidroga e antivaluta, hanno permesso di scoprire i diversi modus operandi della consorteria criminale, sequestrando immissioni sul mercato nazionale di “partite” di cocaina per ulteriori 8 chili, con l’arresto di sette corrieri/ovulatori. Questi ultimi arresti sono stati operati non solo sul territorio nazionale (uno presso l’aeroporto di Malpensa e due a Torino), ma anche presso lo scalo aeroportuale di Madrid e sul territorio elvetico, ove sono stati tratti in arresto ulteriori quattro soggetti, grazie anche alla cooperazione con le altre forze di polizia europee.

A conclusione dell’attività d’indagine sono state eseguite sette ordinanze di custodia cautelare emesse dal GIP del Tribunale di Busto Arsizio, su richiesta della Procura (di cui 2 in Svizzera a cura della polizia cantonale elvetica) e diverse perquisizioni personali e locali nelle province di Savona, Asti e Torino nei confronti di cinque italiani, un dominicano ed un peruviano. Nel corso dell’operazione, che ha visto impiegati oltre 30 militari delle Fiamme Gialle e diverse unità cinofile, sono stati posti sotto sequestro quattro vigneti ed un immobile, siti nelle campagne astigiane, per un valore catastale di oltre 90.000 euro ed una vettura, ed ulteriori somme di denaro pari a 12.000 euro nonché 106 grammi di cocaina.

Copyright @2018