SERATA SULLA SICUREZZA ORGANIZZATA DAI CITTADINI
Troppi furti, Borsano pensa al controllo di vicinato

Buona affluenza all’incontro a cui ha partecipato anche l’assessore Massimo Rogora. A gennaio nuovo appuntamento

Riccardo Canetta

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Furti in abitazione – tentati o andati a segno – e scippi. Tanti episodi, nelle ultime settimane, a Borsano. Le voci si rincorrono e nel quartiere c’è preoccupazione.
Così, nei giorni scorsi alcuni cittadini hanno organizzato un incontro tenutosi giovedì sera all’asilo Ferrario, durante il quale ha preso piede la possibilità di dare vita al controllo di vicinato.

Che il problema sia sentito è testimoniano dalla buona affluenza alla riunione. Tanto che l’assessore alla Sicurezza Massimo Rogora, che avrebbe dovuto introdurre la serata prima di dedicarsi a un altro impegno, si è intrattenuto a lungo per dare suggerimenti e ascoltare gli interventi dei partecipanti.

“La presenza di cinquanta o più persone a un incontro organizzato in poco tempo, per di più in una serata piovosa e nel periodo natalizio, non era affatto scontata”, osserva Emanuele Fiore, uno dei promotori dell’iniziativa. “Sono soddisfatto della risposta, soprattutto perché c’erano anche tante facce ‘nuove’, ossia persone che non avevo mai visto in altre occasioni pubbliche a Borsano, a partire da alcuni giovani”. Tra i presenti, anche il consigliere comunale (borsanese) di Forza Italia Orazio Tallarida.

“Abbiamo messo le basi per poter costruire qualcosa – prosegue Fiore –. Il prossimo incontro, previsto per fine gennaio e di cui daremo comunicazione non appena la data verrà confermata, sarà la cartina al tornasole per capire se davvero c’è la volontà di fare qualcosa insieme”.  Questo “qualcosa” potrebbe voler dire dare vita al controllo di vicinato nel quartiere. “È una delle possibilità a cui avevamo pensato mentre organizzavamo l’incontro. Sappiamo che non è la panacea di tutti i mali. Dobbiamo approfondirne regole e funzionamento e poi decidere. Lo faremo nella riunione di gennaio”.

L’assessore Rogora ha caldeggiato questa ipotesi, anche a fronte della carenza di organico della Polizia locale che non consente di andare incontro alla richiesta di maggiori pattugliamenti emersa nel corso della serata.
Qualcosa, nei limiti del possibile, si deve però fare, pensano nel quartiere. “I casi di furto sono stati tanti e una signora anziana è stata scippata – racconta Fiore –. Nessuno si è fatto male ma adesso c’è preoccupazione. Le persone anziane hanno paura di andare a prelevare, perché temono di essere controllate”.

L’obiettivo è fare rete: “Mi è spiaciuto che non ci fosse nessuno del comitato di Borsano – conclude Fiore –. Mi auguro di vederli al prossimo incontro. Vogliamo coinvolgere tante persone, pure la parrocchia, anche se gli incontri non avranno credo religioso o colore politico. Le porte sono aperte a tutti”.

Copyright @2019