Un successo la prima edizione della Corsa della Speranza
Tutti di corsa con Beatrice per sostenere la ricerca

1.500 le persone che domenica hanno corso, camminato, pattinato per le strade della città, colorandola di verde e fucsia, le tinte del fiore disegnato da Bianca Garavaglia, simbolo inconfondibile dell’Associazione che da più di 30 anni si occupa di raccogliere fondi per la cura e la ricerca sui tumori pediatrici. Sorrisi, applausi e abbracci tutti dedicati a Beatrice, super testimonial della giornata

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

1.500 le persone (molte accompagnate dagli amici a quattro zampe) che domenica mattina hanno corso, camminato, pattinato per le strade della città, colorandola di verde e fucsia, le tinte del fiore disegnato da Bianca Garavaglia, simbolo inconfondibile dell’Associazione che da più di 30 anni si occupa di raccogliere fondi per la cura e la ricerca sui tumori pediatrici.

1.500 sorrisi, 1.500 applausi, 1.500 abbracci tutti dedicati a Bianca e Beatrice, bambina di 8 anni, alunna delle scuole Bertacchi, che sta coraggiosamente affrontando il duro percorso della malattia oncologica, super testimonial della giornata. A lei il compito di dare il via alla Corsa della Speranza, insieme al sindaco Emanuele Antonelli, all’assessore all’Inclusione Sociale Miriam Arabini e all’assessore alla Cultura Manuela Maffioli. Il grande cuore di Busto non si smentisce mai ed ha nuovamente colto nel segno durante la prima edizione della marcia non competitiva a sostegno della ricerca sui tumori infantili.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA