ORGANIZZATA DALL’ATLETICA SAN MARCO
Tutti di corsa a Busto: oltre 2.200 partecipanti per la Maratonina / Le foto

Ennesimo successo per la Maratonina Città di Busto Arsizio con tante iniziative parallele a sfondo sociale. Vincono Andrea Soffientini e Giovanna Caviglia

GioGara

Igor Mutinari

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Grande successo per la Maratonina Città di Busto Arsizio, giunta alla ventisettesima edizione. Organizzata dall’Atletica San Marco con il patrocinio del comune di Busto Arsizio, la manifestazione podistica più importante dell’intera provincia e di tutto l’Altomilanese ha portato a correre sulle strade bustocche oltre 2.200 atleti di ogni età e provenienza. La temperatura è stata ideale per correre e Giove Pluvio ha dato tregua alla marcia dei podisti per le vie della città. Il lunghissimo serpentone colorato ha seguito il percorso ormai collaudato dall’esperienza dei soci del sodalizio del leone alato. Ben trecento sono stati i volontari che hanno contribuito fattivamente alla riuscita della grande festa. I runner sono partiti da Viale Cadorna e hanno percorso poi i primi chilometri sui grandi viali verso Borsano, da qui hanno svoltato verso Sacconago per raggiungere la pista di atletica, un giro sul tartan con ristoro annesso e poi via sempre di corsa verso Beata Giuliana. Costeggiando l’ospedale, i podisti sono tornati verso il centro, sfilando davanti al Comune prima dei suggestivi passaggi in via Milano e piazza San Giovanni che li hanno proiettati sul traguardo di via Foscolo.

A vincere, tra gli uomini, è stato Andrea Soffientini dell’Azzurra Garbagnate: il dominatore del Giro del Varesotto ha percorso i 21,097 chilometri in 1:10:22 alla media di 3:20 al chilometro. Medaglia d’argento per Ernest Johnson Nti, terzo Mattia Parravicini. Tra le donne, invece, prima sul traguardo è arrivata la portacolori dell’Atletica Alessandria Giovanna Caviglia in 1:20:41 alla media di 3:49, seguita dalla bustocca Cecilia Curti della Pro Patria e da Stefania Pulici.

A margine della gara competitiva, la San Marco ha anche predisposto una corsa non agonistica da 21 chilometri e una più breve da 9,2. Da sottolineare anche i risvolti sociali che la San Marco sta aggiungendo alla sua manifestazione regina. Parallelamente a tutte le gare succitate è stata organizzata, in collaborazione con l’associazione la Casa di Chiara, una staffetta sulla distanza della mezza maratona in cui 90 bambini delle scuole bustocche hanno percorso 500 metri a testa e si sono poi ritrovati tutti insieme per percorrere gli ultimi metri in parata. Presenti anche i Maratonabili: un gruppo di podisti che ha offerto le proprie gambe a 4 atleti disabili spingendone le carrozzelle per tutto il percorso.

Pochi problemi con il traffico per i podisti, approfittando anche del blocco deciso dall’Amministrazione comunale. Amministrazione presente alla manifestazione del sodalizio del Leone alato con l’assessore Gigi Farioli alla partenza e all’arrivo e col sindaco Emanuele Antonelli e la sua vice Isabella Tovaglieri alle premiazioni.

Il commento finale spetta di diritto ad Antonio Apolonio, presidente dell’Atletica San Marco: “Questa edizione è stata particolarmente emozionante grazie anche alla partecipazione dei Maratonabili e dei bambini della Casa di Chiara, mi hanno toccato il cuore. Il tempo è stato clemente e ci ha permesso di avere una bellissima giornata di sport. Devo ringraziare innanzitutto gli sponsor che ci danno una grossa mano e l’amministrazione comunale che ci ha permesso di portare in tutta Busto la nostra passione. Un grazie anche ai podisti che tutti gli anni tornano, vuol dire che facciamo bene e piaciamo. Infine, il ringraziamento maggiore va ai miei ragazzi della San Marco: 300 volontari in un evento così sono tantissimi e tutti sono stati utilissimi”.

Insomma, dopo il successo di un sammarchino – Massi Milani – a New York, un successo di squadra a Busto per l’Atletica San Marco.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA