Domenica 27 agosto “se mangia, se bee, sa pacia, sa lava la facia”
Tutto pronto per la festa dell’anguria a Castellanza

Anguria, street food “emiliano-caraibico” e bancarelle trasformeranno per un giorno la piazza di Castegnate in una grande festa a cielo aperto che si concluderà con l’esibizione della Sugarlive Band

Loretta Girola

Castellanza

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Torna puntuale anche quest’anno a chiudere gli avvenimenti estivi di Castellanza la Festa du l’inguria, organizzata dalla Pro Loco cittadina.

L’appuntamento è per domenica 27 agosto in piazza a Castegnate, dove la Pro Loco darà vita a questa antica tradizione con cui si godono insieme gli ultimi giorni di caldo prima della ripesa del lavoro con il frutto che dell’estate è l’emblema.

La manifestazione, realizzata con il patrocinio della Città di Castellanza, inizierà alle 10.00 con l’apertura del tradizionale mercatino, mentre a mezzogiorno chi lo desidererà potrà gustare dell’ottimo street food “emiliano-caraibico” con popusas, gnocco fritto, burritos, chimi e hamburguesa dominicana, grazie allo stand che rimarrà aperto tutto il giorno, dando quindi anche la possibilità di una merenda decisamente diversa dal solito. Alle 16.00 sarà il momento dei bambini con l’animazione organizzata apposta per loro, alle 17 la benedizione della Stele di San Bernardo, il monumento di marmo posto al lato della piazza dove un tempo sorgeva l’antica chiesa di Castegnate.

“Ospite d’onore dell’intera giornata – sottolineano dalla Pro Loco – sarà però l’inguria con cui, secondo il noto adagio, se mangia, se bee, sa pacia, sa lava la facia”.

La giornata di festa si chiuderà con la musica della Sugarlive Band che, a partire dalle 20.30 ripercorrerà la carriera di Zucchero Fornaciari; la tribute band milanese, attiva dal 2004, conta nel suo organico Giorgio Piovera (voce e chitarra), Sarah Cappelletti (vocalist), Francesco Vanelli (chitarra solista), Daniele Sala (basso), Chiara Borgonovo (tastiere), Marco Camia (batteria e percussioni), Paolo Milanesi (tromba) e Gino Bisceglia (sax).

Copyright @2017