GRAZIE ALLA GUIDA MULTIMEDIALE DEDICATA A PALAZZO CICOGNA
Un premio per gli studenti delle Bertacchi

L'istituto ha vinto il premio Scuola Digitale con il progetto Digi.Art museo. La soddisfazione degli assessori Farioli e Maffioli

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

A  #FuturaVarese “Comunità in Movimento 4.0”, la tre giorni del MIUR dedicata a esperienze, laboratori, iniziative della Scuola Digitale, l’istituto comprensivo Bertacchi ha vinto il premio Scuola Digitale con il progetto Digi.Art museo, un sito internet dedicato a un approfondito lavoro su palazzo Cicogna che comprende giochi interattivi in italiano e in inglese e il tour virtuale del museo “Busto loves monuments”, patrocinato dall’amministrazione comunale e presentato solo una settimana fa proprio nelle sale del palazzo alla presenza dell’assessore all’Educazione Gigi Farioli e dell’assessore alla Cultura Manuela Maffioli.

Un lavoro realizzato dagli studenti della scuola media Bellotti, che, questa mattina, accompagnati dalla dirigente Laura Ceresa e  dall’animatore digitale dell’istituto MIchela Marcelllino , hanno ricevuto il premio dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti: essendosi classificati al primo posto tra le medie della provincia parteciperanno al premio nazionale in programma a Bologna.

Da segnalare che al primo posto tra le scuole superiori si è classificato l’ISIS Facchinetti, “un successo che conferma l’eccellenza delle scuole del territorio, la loro capacità di porsi con attenzione nei confronti di ogni aspetto innovativo – commenta Farioli – un successo che esige anche l’Amministrazione faccia la sua parte nel mantenere costante questa eccellenza. Il progetto delle Bertacchi è anche un’ulteriore  dimostrazione della capacità bustocca di fare rete tra pubblico e privato anche nel mondo della scuola, al progetto ha contribuito infatti anche la Famiglia Bustocca per quanto riguarda gli aspetti culturali”.

Grande la soddisfazione di Maffioli: “Sia perché ha vinto una scuola della città, che è anche la scuola del mio quartiere, Sant’Edoardo, e la scuola che io ho frequentato, sia perché il contenuto del progetto, le nostre civiche raccolte d’arte, ha un’ulteriore grande opportunità di essere visto ovunque, in Italia e nel mondo. Il progetto non veicola solo la straordinaria capacità tecnica di studenti e insegnanti, ma anche il nostro patrimonio culturale. Contenitore e contenuto con questo premio vengono ulteriormente valorizzati e di questo non posso che essere felice”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA