La fontanella
Un tuffo nel passato

Per ricordare cose che non si usano più. Sparite, dissolte, tranne qualche esempio. Parliamo della Veduèla (vedovella o vèdua, vale a dire, la fontanella) sempre zampillante...

Gianluigi Marcora

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Un tuffo nel passato. Per ricordare cose che non si usano più. Sparite, dissolte, tranne qualche esempio. Parliamo della Veduèla (vedovella o vèdua, vale a dire, la fontanella) sempre zampillante che “una volta” esisteva un po’ dappertutto in città e che ora è quasi sparita. La “vedovella” o vedova, stava melanconicamente sola, senza compagnia, in strade più o meno praticate, ma con una funzione capillare: ristorare chi ha sete con acqua zampillante, fresca, pura, senza… additivi: acqua sorgiva e basta.

La Poesia che propongo è di Angelo Azzimonti, autentico maestro di Bustocchità. Poesia tratta dal libro dal titolo “gùti da rusàa” (gocce di rugiada) edito nel 1989 da Industrie Grafiche Casbot.

Veduèla veduèla – cha ti piangi da par tì – ta rivèdu: sè anmò chèla – che in dàa menti a gho sculpì – Ma rigòrdu , sèu’n balèn – che giùghèa cun tì, in pentèra – lìbar tème’n passaèn – prìma che ga gnèssi a guèra – L’èa ‘na màna a tò vaschèta – l’èa’n laghètu tùl speciàl – par fà’ndà ‘na me barchèta – fèi da carta da giurnàl – una barca ma sa sia – cha purtèa i mè ilusiòn – in dùl màr dàa fantasia – vèrsu un mondu da visiòn… – Mò in dua hin, o veduèla – chèla barca e chèla età – dumà tì sè sèmpar chèla – tutu’l rèstu l’è fundà – Veduèla sti savèssi – cànti sògn a gh’e svanì – cànti voeulti, sa pudèssi – a vuèss piangi insèma a ti.

Andiamo subito con la traduzione. Non prima d’aver espresso un reverente saluto alla memoria di questo “grande” della Lingua Bustocca, autentico maestro di spiritualità e di saggezza.

Fontanella, fontanella, che piangi da sola, ti rivedo: sei ancora quella (non sei minimamente cambiata) che nella mia mente ti ho scolpito. Mi ricordo, ero un bambino che giocava con te, a piedi nudi, libero come un passerotto, prima che arrivasse la guerra. Era una manna la tua vaschetta, era un laghetto tutto speciale, per far navigare la mia barchetta, fatta di carta di giornale. Una barca qualunque, semplice, che portava le mie illusioni, nel mare della fantasia, verso un mondo sconosciuto (fatto di visioni, di speranze). Adesso dove sono (le illusioni, i sogni) oh fontanella e quella barca e quell’età, solo tu sei rimasta uguale, tutto il resto è affondato. Fontanella, se sapessi, quanti sogni sono svaniti, quante volte se potessi, vorrei piangere insieme a te.

Ecco: questo rapporto tra un bimbo in giro a giocare solo con la sua barchetta fatta di carta di giornale che “naviga” dentro la vaschetta della fontanella, fa tenerezza. Non solo: il bimbo trova la sua tranquillità e la fontana sembra soddisfare i suoi desideri. Piedi nudi che nei momenti estivi trovavano refrigerio dentro la vaschetta  e sorsi d’acqua che soddisfacevano la sete. Il tutto in assoluta libertà, fantasticando coi sogni che inorgoglivano la fantasia. Un’autentica mamma da vivere nella semplicità. Quale lezione, quale monito trarre da queste parole scritte col cuore? Tanti, tantissimi! Non aggiungo altro: solo un reverente grazie al Poeta, Angelo Azzimonti, onore di Busto Arsizio.

Copyright @2018

DALLE RUBRICHE