Patron Pirola sottolinea un gesto di fair play
Uyba al “Bellomo” con Diouf e Wilhite

Prima uscita per la Uyba. Al trofeo “Bellomo” di Castellanza le farfalle affronteranno giovedì il Club Italia. Domenica le finali. Patron Pirola evidenzia un gesto di fair play

Igor Mutinari

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Prosegue l’avvicinamento al campionato, al via tra meno di un mese, della Uyba di coach Mencarelli. In quest’ottica le farfalle si apprestano ad affrontare il primo impegno probante: il classico trofeo “Mimmo Bellomo”, giunto ormai alla edizione numero trentotto, organizzato dalla Pallavolo Castellanzese (AsdVolleyTeam Castellanza) del diesse Stefano Pozzi.

La manifestazione inizierà martedì 19 alle ore 20.45 con la prima semifinale tra SAB Legnano e Brescia, con tante ex farfalle in campo (Degradi, Mingardi e Caracuta sulla sponda legnanese, Prandi sul versante bresciano). La seconda semifinale tra Uyba e Club Italia è in programma giovedì 21, sempre alle ore 20.45. Sfida particolare per Mencarelli che affronterà gran parte della squadra che solo poche settimane fa ha portato sul tetto del mondo al mondiale under 18. Le finali sono previste per domenica 24 a partire dalle ore 15.

L’allenatore umbro avrà a disposizione per la prima volta anche Valentina Diouf e Sarah Wilhite, che sabato scorso è atterrata a Malpensa. All’appello mancano ancora Silvana Chausheva, che arriverà in Italia sabato 23, e Michelle Bartsch, attesa per la fine del mese. Alessia Orro, invece, sarà impegnata con la nazionale azzurra agli europei di Georgia e Azerbaijan.

Al netto di assenti e presenti, lo starting six delle farfalle al “Bellomo” inizierà ad avvicinare quello che si vedrà in stagione. Dall’Igna potrebbe giocare in diagonale con Piani in modo da non forzare i tempi dell’inserimento di Diouf, Stufi e Berti al centro con Botezat pronta alla bisogna, Gennari e Wilhite in banda e Spirito libero.

 

Fair play. Dopo aver ammirato lo scorso mercoledì la vittoria della Pro Patria di Javorcic, della quale è main sponsor, Giuseppe Pirola, ha dedicato la sua domenica sportiva alla Caronnese, squadra della quale è vice presidente. Il patron di Unet Energia Italiana ha raccontato: “Segnalo questo fatto anomalo ma molto bello, successo nella partita tra Caronnese e Folgore Caratese terminata 3-2. A dieci minuti dalla fine della partita, sul punteggio poi definitivo di 3-2, dopo un rilancio del portiere della Folgore, il nostro difensore Costa (classe 1998, ndr) si scontra con l’esperto centravanti della Folgore Moretti (1985, ex proprio della Caronnese, ndr). L’arbitro vede una gomitata dell’attaccante e lo espelle. Il contatto c’è sicuramente stato, ma Costa parla con il direttore di gara e gli riferisce che l’attaccante avversario non gli ha dato una gomitata. L’arbitro ritorna sulla sua decisione e la partita finisce undici contro undici. Questo episodio può fare bene al movimento del calcio, considerata anche la differenza di età dei due giocatori”. In tempi di Var, un raro esempio di lealtà e fair play che merita di essere evidenziato.

Copyright @2017

NELLA STESSA CATEGORIA