BUSTO-GRAZ: 3-1 (25-15, 25-12, 23-25, 25-22)
Uyba al minimo sindacale: farfalle ai quarti di Coppa Cev

Bastano i primi due due set alle farfalle per centrare la qualificazione ai quarti di Coppa Cev: il resto è noia e poco altro.

Igor Mutinari

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La Yamamay e-work Busto Arsizio, nella partita di ritorno degli ottavi di finale di Coppa Cev contro le austriache del Graz, conferma la vittoria dell’andata e accede così ai quarti, dove affronterà il Mulhouse dell’ex farfalla Ciara Michel (gara 1 a Busto il 6 febbraio, ritorno in Francia la settimana successiva).

Mencarelli, senza Samadan non utilizzabile in Europa, opta per il turnover concedendo, in un gennaio dai mille impegni (e febbraio, se possibile, sarà ancora più denso di partite), una serata di riposo a Grobelna e Bonifacio (e in parte ad Herbots, Gennari ed Orro). Il risultato finale dice bene a Gennari e socie: 3-1 (25-15, 25-12, 23-25, 25-22). Evidente la differenza di livello tra le due squadre, con le farfalle che, una volta conquistati i due set necessari per certificare la qualificazione, rallentano il ritmo sensibilmente, concedendo l’onore di un set alle avversarie, onestamente volonterose e poco più.

Top scorer del match è Meijners che mette a referto 19 palloni (6 ace) a cui Piani (foto Lodedo) ne aggiunge 14 e Botezat 12.

Il prossimo impegno per la Uyba – che nel weekend osserva il turno di riposo in campionato – sarà mercoledì 30 gennaio (ore 20.30) al PalaYamamay contro Chieri nella quinta giornata di A1. E poi sarà la volta delle Final Four di Coppa Italia all’ombra dell’Arena di Verona (2 e 3 febbraio).

Pagelle: Piani 6.5, Peruzzo sv, Herbots 7, Grobelna sv, Gennari 7, Cumino 6, Orro 7, Leonardi (L) 6.5, Bonifacio sv, Meijners 7.5, Berti 6.5, Botezat 7. All. Mencarelli 6.5.

Le voci del post partita
Coach Marco Mencarelli: “Avevamo la convinzione di passare il turno. Ora avremo due giorni di riposo prima di un periodo in cui dovremo rimboccarci le maniche: giocheremo fino al 20 febbraio con due gare a settimana e se saremo bravi tre. Nel terzo e quarto set mi sono un po’ arrabbiato, ma niente di che perché dopo un periodo di tensione e aver centrato il risultato ci stava un po’ di stacco di testa, ma con il nostro tasso tecnico abbiamo gestito la vittoria. Fin qui abbiamo avuto grande attenzione sui tre eventi, non vogliamo fare una selezione. Con Chieri, a tre giorni dalla semifinale, sarà un bel test che dovremo onorare e giocare in crescendo”.

Il film della partita
Coach Mencarelli dà un po’ di spazio al turnover: Orro gioca in diagonale con Piani, Botezat e Berti al centro, Meijners e Gennari in banda, Leonardi libero. Risponde Jesenko con Witch-Ebster, Nesimovic-Dumphart, Dorfler-Konrad, Oberhouser. Farfalle in maglia rossa, austriache in nero.

Primo set: Nonostante una partenza a rilento (1-3), Busto prende ben presto il controllo della situazione (13-9). Le farfalle continuano a spingere (19-11) e la rapida conclusione del set è ad opera di Gennari (25-15).

Secondo set: Le farfalle non sono in vena di sconti (8-3) e Mencarelli sul 11-6 fa registrare una staffetta Gennari-Herbots facilmente preventivabile. Il ritorno austriaco (12-10) è solo un fuoco fatuo (15-10). Il doppio ace di Meijners vale il 18-11 (dentro anche Cumino per Orro) che è preludio al finale 25-12. Solo per mera formalità: le farfalle sono matematicamente qualificate.

Terzo set: Mencarelli lascia in campo Herbots e Cumino, ma Graz scappa via (2-6). Le austriache continuano a spingere (8-15). Con Herbots e Botezat le farfalle provano a rientrare (16-19), ma le ospiti prolungano la contesa (23-25).

Quarto set: Busto non riesce a scrollarsi di dosso le avversarie (4-4). Graz ci prova ancora (7-10) e Mencarelli deve riaffidarsi a Orro. Un punto alla volta Busto trova il pareggio (21-21) e non si ferma più sino a 25-22 griffato dall’ace di Piani.

Tabellino
Yamamay e-work Busto Arsizio-UVC Holding Graz: 3-1
(25-15, 25-12, 23-25, 25-22)
Yamamay e-work Busto Arsizio: Piani 14, Peruzzo ne, Herbots 10, Grobelna ne, Gennari 5, Cumino, Orro 4, Leonardi (L), Bonifacio ne, Meijners 19, Berti 8, Botezat 12. All. Mencarelli, 2° Musso. Battute: vincenti 11 (Meijners 6, Piani 3), errate 19. Muri: 12 (Botezat e Berti 3).
UVC Holding Graz: Schröttner, Dörfler 10, Aichholzer, Dumphart 5, Tuluk, Konrad, Ebster Schwarzenberger, Ehrhart 12,  Nesimovic 9, Oberhauser (L), Witsch 2, Radl 11. All. Jesenko. Battute: vincenti 6, errate 11. Muri: 6.
Arbitri: Niklova (SLK) e Koiv (EST).
Spettatori: 1274.
Durata set: 19′, 18′, 26′, 24′: tot 87′.

Copyright @2019