FILOTTRANO-BUSTO: 3-2 (19-25, 25-19, 26-24, 17-25, 15-10)
Uyba, brusca frenata con l’ultima della classe

Stop imprevisto contro l’ultima della classe per la Unet E-Work Busto Arsizio che con una prestazione spenta viene sconfitta al tie-break da Filottrano

GIOGARA

Igor Mutinari

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Quello che non ti aspetti. Chi ipotizzava una partita semplice probabilmente non ha mai praticato sport, ma aspettarsi una sconfitta delle farfalle rivelazione del campionato contro l’ultima in classifica a secco di vittorie dalla prima partita della stagione era onestamente difficile da ipotizzare. Eppure lo score finale di Filottrano-Unet E-Work Busto Arsizio recita un imprevisto 3-2 (19-25, 25-19, 26-24, 17-25, 15-10) che non permette alle farfalle di coach Mencarelli, che prova il turnover schierando per la prima volta in stagione Wilhite titolare al posto di Gennari, di approfittare dello stop di Scandicci e anzi vede ridursi il vantaggio accumulato su Modena e Monza.

La partita era anche partita bene con Stufi e socie che blindano il primo set in scioltezza, provano a reggere l’urto delle marchigiane invano nel secondo e sprecano un grande vantaggio (11-16) nel terzo. Alle corde le biancorosse giocano un grande quarto parziale, ma si sciolgono nel decisivo tie-break. Nella compagine bustocca si salva Diouf autrice di 28 punti, ma scomparsa dai radar nelle fasi clou del match, a sprazzi bene anche Bartsch (16 punti) e Wilhite (13). Le biancorosse pagano una ricezione non all’altezza della stagione: 40% di positiva e solo 11 di perfetta, soffrendo terribilmente i turni di servizio di Tomsia (6 ace), non sono cifre da Uyba.

Il prossimo impegno per le farfalle sarà la partita di ritorno di Coppa Cev che si disputerà mercoledì 10 gennaio a Brcko, con inizio alle ore 19. Le farfalle partono con i favori del pronostico dopo la netta vittoria casalinga nella gara di andata. In campionato, invece, Stufi e socie sabato 13 alle ore 20.30 al PalaYamamay riceveranno la visita di Modena in un vero e proprio scontro diretto.

Le voci del post-partita

Dopo la sconfitta Alessia Orro prova ad esaminarne le cause:“Non abbiamo sottovalutato l’avversario perché sapevamo di giocare su un campo difficile. In ogni caso non abbiamo espresso per niente il nostro gioco migliore, loro hanno difeso tanto, ma noi non abbiamo reagito: anche quando riuscivamo a fare qualcosa di buono ci facevamo risorpassare; non abbiamo mai giocato così male“.

La partita

Nel primo match dell’anno i due allenatori non riservano sorprese nei sestetti iniziali, con l’unica eccezione di Wilhite per Gennari. Mencarelli schiera quindi Orro in diagonale con Diouf, al centro Berti e Stufi, in banda Gennari e Bartsch, Spirito libero. Nica risponde con Bosio-Tomsia, Mazzaro-Hutinski, Mitchem-Scuka, Feliziani. Farfalle in divisa nera, marchigiane in bianco.

Primo set: Diouf parte alla grande e conquista un primo break (6-8), le marchigiane non ci stanno e passano anche in vantaggio ma la premiata ditta a stelle e strisce Bartsch-Wilhite sigla il 13-15, l’allungo decisivo però è dovuto a due errori delle padrone di casa (16-19), con Bartsch che allunga ancora, a chiudere il primo parziale ci pensa Berti sul 19-25.

Secondo set: In avvio di secondo set le marchigiane di coach Nica provano a uscire dal guscio (6-3) guidate da Scuka, le biancorosse però non si scompongono e l’ace di Orro vale il primo sorpasso sul 9-10. Si scatena però Mitchem per un nuovo capovolgimento di fronte (13-11), a cui rispondono Diouf che impatta e Tomsia che accelera (16-13). Le farfalle recuperano ancora (17-17) ma poi si inceppano sul turno di servizio di Tomsia e Filottrano pareggia il conto (25-19) con Scuka.

Terzo set: Ad inizio del terzo parziale l’equilibrio regna sovrano, sino a quando Diouf e Bartsch prendono in mano il pallino del gioco per un poderoso allungo (11-16). Tomsia prova a non darsi per vinta e sul 20-21 si preannuncia un altro finale la cardiopalma. Difatti le marchigiane mettono la freccia (23-22). Le farfalle devono annullare due set-point ma cedono ugualmente ai vantaggi (26-24).

Quarto set: La squadra di Mencarelli prova ad iniziare con un altro piglio la quarta frazione (1-5). I muri di Orro e Wilhite aumentano il divario sino al 3-9 e sul 5-14 il set sembra diventare un monologo bustocco con Wilhite sugli scudi (14-21). Il set, praticamente mai in discussione, si chiude sul 17-25 di Gennari, subentrata a Bartsch.

Tie break: Dopo un avvio equilibrato, Filottrano prova prendere le redini del gioco sul turno di servizio di Mazzaro (10-5). La luce si spegne in casa biancorossa e le padrone di casa conquistano la vittoria (15-10).

Tabellino

Lardini Filottrano-Unet E-Work Busto Arsizio 3-2 (19-25, 25-19, 26-24, 17-25, 15-10)

Lardini Filottrano: Melli 2, Bosio 3, Feliziani (L), Gamba ne, Negrini ne, Agrifoglio ne, Tomsia 23, Mitchem 15, Mazzaro 7, Hutinski 12, Pomili ne, Scuka 23. All. Nica, 2° Amiens. Battute: vincenti 7, errate 4. Muri: 12.

Unet E-Work Busto Arsizio: Piani ne, Stufi 13, Spirito (L), Gennari 6, Dall’Igna, Orro 2, Wilhite 13, Diouf 28, Bartsch 16, Berti 10, Negretti, Botezat ne. All. Mencarelli, 2° Musso. Battute: vincenti 3, errate 7. Muri: 13 (Berti e Wilhite 4).

Arbitri: Giardini e Pasquali.

Durata set: 22′, 25′, 31′, 24′, 16′. Tot.: 118′.

Spettatori: 1.600.

Risultati

Filottrano-Uyba 3-2, Novara-Pesaro 3-2, Legnano-Monza 0-3, Casalmaggiore-Scandicci 3-1, Modena-Bergamo 3-0, Firenze-Conegliano 1-3.

Classifica

Conegliano 35; Novara 32; Scandicci 27; Uyba 25; Monza 22; Modena 21; Pesaro 19; Firenze 14; Casalmaggiore 13; Legnano 11; Bergamo 9; Filottrano 6.

Prossimo turno

Domenica 14 gennaio, ore 17.00

Uyba-Modena (sabato 13, ore 20.30), Casalmaggiore-Bergamo, Novara-Firenze, Scandicci-Monza, Conegliano-Filottrano, Pesaro-Legnano.

Tentativi di fuga per la Futura

In B2 la Futura Volley di coach Lucchini vince agevolmente il testa coda contro la Lilliput Settimo Torinese. Il risultato, e soprattutto i parziali, rendono bene la differenza tra le squadre in campo: 3-0 (25-12, 25-15, 25-7). Le biancorosse della famiglia Forte approfittano anche della contemporanea sconfitta di Biella ad opera di Romagnano e scappano a sei punti di distanza dalla seconda in classifica che ora è, appunto, Romagnano.

Copyright @2018

LEGGI ANCHE

NELLA STESSA CATEGORIA