Busto-Brcko: 3-0 (27-25, 25-10, 25-23)
Uyba buonasera, vince in Cev e ritrova Wilhite

Nella gara d’andata dei sedicesimi di Coppa Cev, la Unet E-Work Busto Arsizio liquida 3-0 le bosniache del Brcko e ritrova Wilhite. Sabato al PalaYamamay torna Carlo Parisi

GIOGARA

Igor Mutinari

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Buona la prima. All’esordio stagionale in Coppa Cev, davanti a 1.500 fedelissimi, la Unet E-Work Busto Arsizio batte 3-0 (27-25, 25-10, 25-23) la squadra bosniaca del Brcko con qualche fatica più del dovuto. Coach Mencarelli può permettersi un ampio ricorso al turnover lanciando da titolari Botezat, Piani e Chausheva. La buona notizia di giornata è anche il ritorno in campo di Sarah Wilhite a distanza di 34 giorni dal suo infortunio alla caviglia durante il match (poi vittorioso) con Bergamo.

Nel primo set, complice una ricezione che risente dei palloni Mikasa utilizzati in Europa, le farfalle devono soffrire più del previsto prima di chiudere ai vantaggi non senza aver annullato un set point alle ospiti, il secondo parziale è invece senza storia e vede il ritorno in campo di Wilhite. La scuola slava nello sport non va mai sottovalutata e difatti nel terzo set le bosniache (sotto la curva bustocca a fine match per raccogliere l’applauso dagli sportivissimi Amici delle Farfalle) mettono alle corde le biancorosse che devono affidarsi a Bartsch per chiudere. La miglior marcatrice di Busto è Chausheva che sigla 14 punti e spesso si fa sentire in battuta. Bene anche Piani che ne segna 9 con un ottimo 75% in attacco. Da segnalare anche il fair play della società di patron Pirola, il bus griffato Uyba è stato utilizzato dalle bosniache durante la permanenza a Busto.

Il return match è previsto in Bosnia Erzegovina il 10 gennaio, ma le farfalle in questo periodo saranno impegnatissime tra campionato e quarti di finale di Coppa Italia. Il primo appuntamento sarà davvero di alto livello: al PalaYamamay ci sarà il ritorno da avversario di Carlo Parisi. La sfida tra Uyba e Scandicci si giocherà sabato 16 dicembre alle ore 20.30.

Le voci del post partita

“Avevo messo in conto il turnover – è il commento a caldo di coach Mencarelli – oggi abbiamo fatto giocare chi ha avuto meno occasioni finora e forse ci è mancato un po’ di ritmo, ma con lucidità e freddezza ci abbiamo messo una pezza. Fino a fine gennaio ci aspettano due partite a settimana e quindi ci serve una panchina pronta, oggi i cambi hanno risposto in maniera strepitosa, ma hanno bisogno di trovare il ritmo. Wilhite? Quando è entrata si è vista tutta la sua qualità, ha bisogno di stare in campo con la pressione del risultato”.

Le pagelle: Orro 6,5, Piani 6,5, Botezat 6,5, Berti 6,5, Gennari 6,5, Chausheva 7, Spirito 6, Wilhite 6, Dall’Igna 6,5, Diouf 6, Bartsch 7.

La partita
Ampio ricorso al turnover per coach Mencarelli che schiera Orro-Piani, Botezat-Berti, Gennari-Chausheva e Spirito. Pezerovic risponde con Kostic-Sljipcevic, Dragutinovic-Gajic, Radovic-Mitrovic, Ivkovic. Farfalle in completo nero, bosniache in bianco.
Primo set: Le farfalle partono subito con il piede giusto grazie al turno in battuta di Chausheva (9-5) ma tre ace consecutivi di Kostic rimettono il discorso in pari. Nella fase centrale del set le farfalle scappano e toccano il 19-12, le bosniache provano a rientrare (19-16) passando addirittura in vantaggio sul finale di set (22-23 con l’ace di Mitrovic). La Uyba deve anche annullare un set-point prima di distendersi e chiudere con l’ace di Berti (27-25).
Secondo set: Le farfalle, spinte da Chausheva, partono subito a mille (14-5), la nota lieta è l’ingresso di Sarah Wilhite sul punteggio di 17-7 dopo oltre un mese dal suo infortunio alla caviglia nella sfida con Bergamo. Proprio la schiacciatrice americana sigla 4 punti in uno scorcio di set, tra cui i 2 ace che regalano il 2-0 alla Uyba (25-10).
Terzo set: Le bosniache provano ad uscire dal guscio e sorprendono le farfalle (3-11), Chausheva prova a suonare la carica della rimonta (13-17) e Bartsch con tre punti di fila segna il 21-21 che in pratica riapre il set, la stessa statunitense poi segna la doppietta che mette la parola fine alla contesa (25-23).
 
Il tabellino

Busto Arsizio-Brcko: 3-0 (27-25, 25-10. 25-23)

Unet E-Work Busto Arsizio: Piani 9, Stufi n.e., Spirito (L), Gennari 6, Dall’Igna, Orro 3, Wilhite 4, Diouf 5, Bartsch 6, Berti 7, Negretti (L), Chausheva 14, Botezat 5. All. Mencarelli, 2° Musso. Battute: vincenti 7 (2 Berti, Wilhite), errate 9. Muri 9 (Berti 3).

ŽOK Bimal-Jedinstvo BRČKO: Slijepcevic 14, Mitrovic 6, Biberdzic, Kenjalo 1, Radovic 5, Krstojevic 1, Dragutinovic, Ivkovic (L), Gajic 9, Vidakovic ne, Kostic Vera 6, Ilic ne. All. Smail Pezerovic, 2° Mirsad Elezovic. Battute vincenti 9, errate 9. Muri 8.

Arbitri: Vasileios Vasileiadis (GRE) e Antonello Calleja (MAL).

Durata set: 28′, 21′, 28′: tot 77′.

Spettatori: 1.487.

Copyright @2017

NELLA STESSA CATEGORIA