CASALMAGGIORE-BUSTO 3-0 (25-22, 27-25, 25-19)
Uyba, game-over: le farfalle si arrendono alla sfortuna

Finisce in gara 3 dei quarti di finale la stagione della Unet Yamamay che perde la bella in casa di Casalmaggiore. Busto fa i conti con la sfortuna. Assenti Pisani e Signorile, escono fin troppo presto dal match Diouf e Martinez

Igor Mutinari

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

The End. Non riesce alla Unet Yamamay Busto Arsizio l’impresa di violare per due volte consecutive la casa di Casalmaggiore. Le farfalle, soverchiate dalla sfortuna ancor prima che dalla Pomì, vedono chiudersi la stagione quando non sembrava impossibile il miracolo.

Si sapeva che le biancorosse erano in riserva di energie, ma giocare una gara così importante senza giocatrici così importanti è stato un ostacolo insormontabile. Coach Mencarelli, già privo di capitan Pisani, è costretto a rinunciare a Signorile sin dall’inizio del match per un fastidioso ed improvviso torcicollo, e durante la gara perde anche Diouf per un attacco di asma. Martinez gioca solo alcuni sprazzi di partita per il perdurare del dolore alla spalla. Vero che alla Pomì mancava Lloyd e Fabris era a mezzo servizio, ma la rosa a disposizione di Caprara è profonda e la coppia Peric-Turlea ha avuto modo di conoscersi nell’ultimo mese, cosa che alle farfalle non è stato concesso dal ritmo incalzante delle partite tra finale di Coppa Cev e playoff.

Con questi presupposti pensare di battere per la seconda volta in 24 ore le vicecampionesse del mondo era davvero un’idea ardua da attuare. Eppure, nonostante tutto, le farfalle se la sono giocata pressoché alla pari per due set e mezzo. Il risultato finale, fin troppo severo, recita 3-0 (25-22, 27-25, 25-19) e manda in semifinale contro Novara la squadra di coach Caprara.

Top scorer del match è Vasilantonaki che mette a referto 15 punti ma anche 7 errori. Tra le fila biancorosse si mette in evidenza ancora Berti, la quale, date le ultime positive partite, potrebbe essere una delle basi della Uyba che verrà. Ora quattro mesi di volleymercato e di attesa per la nuova stagione, dopo un finale agrodolce.

LE VOCI DEL POST-PARTITA

A microfoni e taccuini del post-partita si presenta Valentina Fiorin, una delle ultime ad arrendersi: “Partivamo senza Signorile, e questo ci ha portato delle difficoltà nell’approccio alla partita; poi una sfortuna dietro l’altra per l’uscita prematura di Diouf e Martinez. Era molto difficile riuscire a uscirne in queste condizioni. Loro, nonostante le assenze, erano più rodate di noi. Alla fine abbiamo perso troppi punti in regular season, ci siamo complicate la vita dovendo giocare troppo spesso e questo ci ha tagliato le gambe. In Coppa Cev ce la siamo giocata e siamo contente, peccato per questa partita ma onestamente era difficile fare di più”.

La chiosa spetta di diritto a coach Mencarelli: “Casalmaggiore questa sera, con queste formazioni in campo, ha sicuramente meritato la vittoria. Abbiamo provato delle soluzioni per sopperire alle assenze e in alcuni momenti le abbiamo anche trovate. Ci siamo però dovuti caricare di errori spingendoci ben oltre le capacità e la continuità che siamo in grado di tenere contro squadre così forti”.

LA PARTITA

Per la sfida decisiva, Mencarelli perde Signorile e schiera quindi Cialfi e Diouf in diagonale palleggiatore-opposto, Vasilantonaki e Fiorin in banda, Berti e Stufi al centro con Spirito libero. Caprara invece opta per Peric-Turlea, Tirozzi-Bosetti, Stevanovic-Gibbemeyer, Sirressi. Farfalle in maglia biancorossa, casalasche in bianco.

PRIMO SET (25-22)

Casalmaggiore parte subito bene e approfitta di due errori di Vasilantonaki e una invasione di Cialfi per prendere un buon vantaggio (9-4). Le farfalle provano a riprendersi, ma un ace di Stevanovic vale il massimo vantaggio sul 14-8. Sul 16-8 Mencarelli prova a cambiare inserendo Martinez per formare il tridente pesante con Diouf e Vasilantonaki. Busto recupera qualche punticino e sul finale si riavvicina alle padrone di casa (24-22) annullando due set point, ma al terzo Gibbemeyer chiude il conto del parziale (25-22).

SECONDO SET (27-25)

Nell’intervallo si ferma anche Diouf, al suo posto Martinez con Vasilantonaki opposto. Pur nella difficoltà, Busto prova a partire forte (0-3). Sotto anche di quattro punti, Turlea guida la rimonta delle sue fino al 10-10. A spezzare l’equilibrio ci pensa l’ace di Guerra che, seguito dal muro di Peric, vale il 17-14. La Uyba però non ci sta e con Vasilantonaki mette la freccia (20-21). Busto, ancora con la greca, conquista un set point, Guerra annulla e il muro di Fabris gira la situazione. La ex Turlea chiude 27-25.

TERZO SET (25-19)

In queste condizioni Busto sembra non averne più e la Pomì spinge sull’acceleratore (5-2). Berti e Cialfi a muro provano a suonare la carica e pareggiano (5-5). L’ingresso di Moneta su Martinez dà una spinta alle sue per un break (7-10). Il vantaggio dura poco perché due errori di Vasilantonaki riportano avanti la Pomì (14-13). La squadra di Caprara con il muro di Turlea su Moneta si prende un break (18-15). Le farfalle trovano un ultimo sprazzo d’orgoglio e tornano a -1, ma Vasilantonaki sbaglia due volte nel momento decisivo (23-18). Rapidamente Casalmaggiore chiude 25-19.

TABELLINO

Pomì Casalmaggiore-Unet Yamamay Busto Arsizio: 3-0 (25-22, 27-25, 25-19)

Pomì Casalmaggiore: Bacchi, Garcia ne, Lloyd ne, Peric 2, Sirressi (L), Turlea 13, Gibbemeyer 13, Bosetti 6, Gibertini (L), Guerra 13, Fabris 1, Stevanovic 5, Tirozzi 6. Battute: vincenti 2, errate 10. Muri: 11. All.: Caprara, 2° Bolzoni.

Unet Yamamay Busto Arsizio: Stufi 5, Signorile ne, Cialfi 1, Spirito (L), Fiorin 6, Witkowska (L), Martinez 7, Badini ne, Vasilantonaki 15, Diouf 4, Moneta 2, Berti 8, Negretti, Pisani ne. Battute: vincenti 0, errate 4. Muri: 5 (Berti 3). All.: Mencarelli, 2°: Musso.

Arbitri: Santi e Oranelli.

Durata set: 31′, 33′, 24′. Totale: 88′.

Spettatori: 2.159 (100 da Busto).

Copyright @2017

LEGGI ANCHE