VOLLEY A/1F - DOMENICA (ore 17) A BUSTO
Uyba senza sosta: sotto con Caserta. Il PalaYamamay raddoppia

Il PalaYamamay di Busto Arsizio si sdoppia: sabato (ore 20.30) Monza-Filottrano, domenica (ore 17) Uyba-Caserta

Mattia Brazzelli Lualdi

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Rientrata a tarda notte dalla fruttuosa trasferta di Perugia, la Unet e-work Busto Arsizio si prepara ad affrontare il prossimo ravvicinato match, in programma domenica 10 novembre, quando alle ore 17 le farfalle affronteranno al PalaYamamay la neopromossa Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta, squadra che, dopo un avvio complicato, ha mostrato negli ultimi due turni notevoli progressi trovando uno splendido punto contro l’Imoco Conegliano e una vittoria netta per 3-0 su Monza.

La Uyba non può dunque affrontare l’incontro con sufficienza: affidata a coach Cuccarini, la squadra campana può infatti schierare un 6+1 davvero interessante. In regia vedremo Marta Bechis, in diagonale con la cubana Castaneda, al centro l’ex bustocca Garzaro in coppia con l’americana classe 1996 Alhassan, in banda la sempreverde Aurea Cruz (ex Cuneo, Scandicci, Novara e Villa Cortese) e la canadese Alexa Gray, prelevata da Casalmaggiore. Libero Alessia Ghilardi, a Busto Arsizio nel 2004/2005.

Dal canto suo coach Lavarini riproporrà con ogni probabilità il sestetto visto a Perugia con Orro – Lowe, Bonifacio – Washington, Gennari – Herbots, Wang libero.

LE FORMAZIONI
Unet e-work Busto Arsizio: 1 Washington, 3 Bici, 4 Herbots, 5 Wang (L), 6 Gennari, 7 Cumino, 8 Orro, 10 Villani, 11 Lowe, 13 Bonifacio, 14 Negretti, 15 Berti. All. Lavarini, 2° Musso.
Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta: 1 Alhassan, 3 Dalia, 4 Ameri, 5 Poll, 6 Holzer, 7 Ghilardi (L), 8 Cruz, 9 Gray, 11 Castaneda, 18 Garzaro, 33 Bechis. All. Cuccarini.

IL PROGRAMMA
Sabato 9 novembre
ore 20.30: Banca Valsabbina Millenium Brescia-èpiù Pomì Casalmaggiore, Igor Gorgonzola Novara-Imoco Volley Conegliano, Saugella Monza-Lardini Filottrano (al Palayamamay di Busto Arsizio)
Domenica 10 novembre
ore 17: Unet E-Work Busto Arsizio – Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta, Il Bisonte Firenze – Bosca S.Bernardo Cuneo, Reale Mutua Fenera Chieri – Savino Del Bene Scandicci, Zanetti Bergamo – Bartoccini Fortinfissi Perugia

LA CLASSIFICA
Imoco Volley Conegliano 17*; Igor Gorgonzola Novara* 14; Il Bisonte Firenze* 12; Banca Valsabbina Millenium Brescia* 11; Unet E-Work Busto Arsizio 10; èpiù Pomì Casalmaggiore 9; Reale Mutua Fenera Chieri 9; Savino Del Bene Scandicci 7; Bosca S.Bernardo Cuneo 6; Zanetti Bergamo 5; Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta 4; Saugella Monza 4; Lardini Filottrano 2; Bartoccini Fortinfissi Perugia 1.
* una partita in più

INFO TICKET: Tagliandi disponibili in prevendita online su https://www.vivaticket.it/ita/extsearch/uyba-volley e nei punti vendita VivaTicket, il giorno della gara dalle ore 15.30 alle casse. Parterre: intero 25 euro (ridotto da 2 compiuti a 10 anni non compiuti e over 65: 17 euro, da 0 a 2 anni omaggio senza posto assegnato). Primo anello numerato: intero 18 euro (ridotto da 2 anni compiuti a 10 anni non compiuti e over 65: 13 euro, da 0 a 2 anni omaggio senza posto assegnato). Primo anello non numerato: intero 13 euro (ridotto da 6 anni compiuti a 14 anni non compiuti e over 65: 8 euro, da 0 a 6 anni non compiuti omaggio). Secondo anello non numerato: intero 6 euro (da 0 a 6 anni non compiuti omaggio). Promozione società sportive: solo per gruppi superiori a 15 unità, solo su prenotazione all’indirizzo [email protected] entro 48 ore dall’inizio dell’evento: biglietti a soli 4 euro cad. (settore secondo anello). Nota importante per coloro che hanno diritto all’ingresso gratuito: per entrare al palazzetto è necessario essere muniti di biglietto (da ritirare nei punti vendita VivaTicket oppure il giorno della partita al Palayamamay se ancora disponibili).
Disabili: ingresso gratuito per portatore di handicap e per un accompagnatore (solo su prenotazione all’indirizzo [email protected] entro 48 ore dall’evento, ingresso da via Maderna. Indicare nella mail l’eventuale ingresso in carrozzina)

COCKTAIL UYBA: Si rinnova l’appuntamento post-match pensato da e-work Spa, main sponsor di UYBA Volley: anche domenica, al termine della partita con Caserta, due atlete della squadra parteciperanno all’aperitivo con i tifosi e, oltre ad essere disponibili per foto ed autografi, si cimenteranno anche come bariste dell’eworkafè! Dopo Alessia Orro e Britt Herbots, protagoniste del primo incontro, chi saranno le due nuove farfalle dietro il bancone? Per scoprirlo appuntamento all’aperitivo post-gara all’e-workafè nel foyer del Palayamamay! (consumazione 5 euro).

IL CUORE DEL VOLLEY: Domenica nel foyer del Palayamamay ci sarà lo stand di Medici Senza Frontiere. Medici Senza Frontiere (MSF) è un’organizzazione umanitaria internazionale indipendente fondata nel 1971. Oggi MSF fornisce soccorso in più di 70 Paesi a popolazioni la cui sopravvivenza è minacciata da conflitti armati, violenze, epidemie, disastri naturali o esclusione dall’assistenza sanitaria.MSF opera in base ai principi dell’etica medica e dell’imparzialità, determinando i bisogni delle persone senza discriminazioni di alcun tipo. La sua indipendenza è garantita dalle donazioni dei privati, che rappresentano in Italia il 100% dei fondi raccolti. MSF agisce inoltre per accendere i riflettori sulle crisi umanitarie, contrastare inadeguatezze o abusi del sistema degli aiuti e sostenere pubblicamente una migliore qualità delle cure e dei protocolli medici. La testimonianza pubblica fa parte delle sue attività perché, così come il soccorso medico, essa può contribuire a salvare vite umane e alleviare le sofferenze delle popolazioni assistite. Oggi MSF è un movimento internazionale composto da 24 associazioni con migliaia di operatori sanitari, personale logistico e amministrativo che vi lavorano. Nel 1999 ha ricevuto il premio Nobel per la Pace. Nel 1999, Medici Senza Frontiere dava l’avvio alla Campagna per l’Accesso ai Farmaci Essenziali per abbattere le barriere politiche, economiche e legali che impedivano alle persone di avere accesso alle cure. In venti anni sono stati raggiunti importanti risultati ma siamo ancora costretti a guardare i nostri pazienti morire perché non ricevono i trattamenti che potrebbero salvare loro la vita.
Eppure l’accesso alle cure non è fantascienza, ma un diritto universale che può e deve essere garantito.

Copyright @2019