A UNA SETTIMA DAL VIA DEL CAMPIONATO
Uyba: tie break fatali a Novara

La Unet e-Work Busto Arsizio batte il Club Italia in un'amichevole, ma viene sconfitta due volte al tie break (da Monza e Bergamo) al Memoria Ferrari di Novara. Due successi su due in B1 per la Futura.

Igor Mutinari

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Una vittoria e due sconfitte nella settimana della Unet e-Work Busto Arsizio che batte il Club Italia in un’amichevole infrasettimanale ma subisce due battute d’arresto (fatali i tie break) nel Memoria Ferrari a Novara contro Bergamo e Monza, due delle squadre sulla carta accreditate a contendere a Busto i posti a ridosso della vetta. Difficile un’analisi corretta di queste partite: solo Mencarelli è in grado di giudicare soprattutto in base ai carichi di lavoro della settimana. Di certo un bagno di umiltà dopo una pre-season importante ad una settimana dall’inizio del campionato può solo fare bene. Il punto interessante, però, è la crescita del gioco sulle centrali, con Bonifacio in netta crescita: questo potrebbe essere la chiave di volta della squadra biancorossa.

I film delle partite

Dopo la vittoria con il Club Italia (depotenziato dall’assenza degli argenti mondiali Pietrini, Lubian, Fahr e Nwakalor) nell’allenamento congiunto del mercoledì per 3-1 pur senza Orro a riposo precauzionale e la lungo degente Meijners, le farfalle hanno preso parte al Memorial Ferrari a Novara. Seguite sull’altra sponda del Ticino dal solito manipolo di fedelissimi (zittiti però dal questore che proibisce loro l’utilizzo di megafoni e tamburi), Gennari e socie perdono in semifinale al tie break con Bergamo. Spiccano le prove di Herbots (17 punti) e Bonifacio (14), benissimo anche capitan Gennari (15) e Piani (14 in metà partita). Nella finalina di consolazione le biancorosse che partono a mille e sembrano poter dominare Monza, vengono rimontate dalle brianzole e cedono al tie break. Per una volta non è Herbots (15) top scorer bustocca, ma Grobelna con 17. Gennari pareggia i conti con la giovane belga e Bonifacio va ancora in doppia cifra (11).

E ora si farà sul serio: inizia il campionato. Domenica 28 ottobre al PalaNorda di Bergamo prenderà il via in maniera ufficiale la stagione delle farfalle con il fischio di inizio della prima partita di A1 contro la Zanetti Bergamo. Fischio d’inizio alle ore 17.00.

Tabellini

Unet E-Work Busto Arsizio – Club Italia Crai 3-1 (26-24, 25-21, 25-20, 23-25)
Unet E-Work Busto Arsizio: Piani 7, Peruzzo 11, Herbots 15, Grobelna 10, Gennari 9, Cumino 2, Orro ne, Leonardi (L), Bonifacio 9, Berti 4, Botezat 5. All. Mencarelli, 2° Musso. Battute vincenti 11, errate 8. Muri: 12.
Club Italia Crai: Battista 17, Malual 5, Morello 2, Bassi ne, Kone 7, Omoruyi 21, De Bortoli ne, Costantini ne, Populini 10, Panetoni (L), Scola 2, Nwakalor L. 7, Trampus ne. All. Bellano. Battute vincenti 8, errate 13. Muri: 9.

Unet E-Work Busto Arsizio – Zanetti Bergamo 2-3 (22-25, 25-21, 25-21, 25-27, 12-15)
Unet E-Work Busto Arsizio: Piani 14, Peruzzo, Herbots 17, Grobelna 8, Gennari 15, Cumino, Orro 2, Leonardi (L), Bonifacio 14, Berti 1, Botezat 11. All. Mencarelli, 2° Musso. Battute vincenti 5, errate 10. Muri: 15 (Bonifacio 6, Botezat 5).
Zanetti Bergamo: Smarzek 26, Imperiali, Olivotto 13, Sirressi (L), Besana, Tapp, Carraro, Mingardi 23, Loda 18, Acosta ne, Strunjak 3. All. Bertini. Battute vincenti 7, errate 14. Muri: 15.

La Futura inizia da dove aveva finito

Dopo il trionfo della stagione della rinascita, nel campionato di B1 la Futura Volley Giovani mantiene fede alle promosse. Nelle prime due giornate di campionato, difatti, la squadra di coach Lucchini ha ottenuto altrettante vittorie in casa all’esordio per 3-1 contro una delle dirette concorrenti come Albese e poi a Lurano, nella bergamasca, con un perentorio 0-3. Se non vi erano dubbi sulle “cocche” della promozione (Cialfi, Rrena, Rigon e Danielli) le buone notizie arrivano dalle neo arrivate: Zingaro e Moretto sono fuori categoria mentre Veneriano lo diventerà presto. Sabato 27 (ore 21.00 al Pala San Luigi) arriverà Offanengo, la principale candidata al salto di categoria.

Copyright @2018