Domenica di festa e beneficenza
Valle Olona Day: anche senza correre vince il ciclismo solidale

Il maltempo ha impedito la “prestazione sportiva” sul tradizionale tracciato (andata e ritorno) tra Gorla Maggiore, Gorla Minore e Marnate ma non ha potuto fermare la beneficenza che sempre contraddistingue la kermesse del Valle Olona Day

Justine Mattera, ospite d'onore del Valle Olona Day 2018, con i sindaci Zappamiglio, Landoni e Scazzosi

Ottavio Tognola

GORLA MAGGIORE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Non hanno potuto salire in sella i 100 cicloamatori che avrebbero dovuto gareggiare nei quartetti della classica cronosquadre del Valle Olona Day. Il maltempo della giornata di ieri, domenica 28 ottobre, ha impedito loro la “prestazione sportiva” sul tradizionale tracciato (andata e ritorno) tra Gorla Maggiore, Gorla Minore e Marnate. Ma la pioggia incessante non ha potuto frenare la convivialità di un incontro tra le mura del “Centro Paolo VI” dell’Oratorio San Carlo di Gorla Maggiore e, soprattutto, non ha potuto fermare la beneficenza che sempre contraddistingue la kermesse del Valle Olona Day (4° Gran Premio Mediolanum), giunta quest’anno alla sedicesima edizione. Giancarlo Agazzi, ideatore e motore trainante della manifestazione che coniuga ciclismo e solidarietà, è stato perfetto “cerimoniere” della domenica di festa e beneficenza. Al suo fianco i tre sindaci dei comuni valligiani, da sempre protagonisti del Valle Olona Day: Pietro Zappamiglio, padrone di casa nella “sua” Gorla Maggiore, Vittorio Landoni di Gorla Minore e Marco Scazzosi di Marnate.

Tutte le quote d’iscrizione versate dai cicloamatori saranno devolute a Uildm Onlus, Fondazione Valduce, Piccola Famiglia Onlus, Hospice “Amici di Rossella” Onlus e Progetto Galileo a confermare l’indissolubile binomio tra ciclismo e beneficenza che da sempre anima il Valle Olona Day.

Copyright @2018