CGIL VARESE VERSO IL 25 APRILE
“Valori della Resistenza quanto mai attuali, a partire da lavoro e tutela pubblica della salute”

La Cgil di Varese aderisce alla proposta avanzata dalla presidente provinciale Anpi, Ester Maria De Tomasi, per celebrare la Resistenza, e quindi esporrà il 25 Aprile il tricolore italiano sulla facciata della Camera del Lavoro di Varese e in altre sue sedi

VARESE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La Cgil di Varese aderisce in modo convinto alla proposta avanzata dalla presidente provinciale Anpi, Ester Maria De Tomasi, per celebrare la Resistenza, e quindi esporrà il 25 Aprile il tricolore italiano sulla facciata della Camera del Lavoro di Varese e in altre sue sedi.

La Cgil di Varese partecipa e invita le lavoratrici, i lavoratori e i pensionati iscritti, a partecipare al flashmob organizzato da Anpi. Apprezza inoltre di ricordare la Resistenza anche in questo modo proposto da Anpi a causa dell’impossibilità di organizzare cortei e manifestazioni pubbliche, vista la drammatica emergenza Covid19. 

Dichiara Umberto Colombo, Segretario generale Cgil Varese: “Per ragioni anagrafiche non ho fortunatamente vissuto la tragedia della dittatura fascista e dell’ultima guerra mondiale. Ma quelle drammatiche vicende mi sono state ampiamente raccontate dai miei genitori e da diversi compagni che parteciparono in prima fila alla Resistenza”. 

“Oggi più che mai – prosegue Colombo – è necessario ricordare i Partigiani per difendere i valori della Resistenza. Grazie al loro appassionato impegno e al sacrificio di molti di loro pagato con la vita, oggi abbiamo valori e diritti fondamentali nel nostro Paese, quali libertà, democrazia, Costituzione, che tanto spesso, anche nel nostro territorio, sono stati attaccati da gruppi neofascisti e xenofobi nemici della Resistenza e dei suoi valori”. 

“In questo momento di drammatica emergenza  – prosegue Umberto Colombo – rimarchiamo quanto sia decisivo godere di diritti fondamentali quale il diritto al lavoro, il diritto alla tutela della salute attraverso la sanità pubblica e un sistema sanitario nazionale universale”. 

Conclude Colombo: “Sono valori e diritti fondamentali da difendere fino in fondo, soprattutto nel 75° Anniversario della Resistenza e della Liberazione, nonché nell’impegno quotidiano che la Cgil e il sindacato promuovono in difesa della democrazia, dei diritti e della solidarietà”. 

Copyright @2020