IN CONSIGLIO COMUNALE IL CASO DI VIA MIANI
Vandalismi e degrado in centro. “Situazione insostenibile”

Dopo i danni provocati nel fine settimana da alcuni vandali, Mariangela Buttiglieri ha posto l’attenzione sul degrado che da tempo interessa il parcheggio di via Miani

Riccardo Canetta

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nel fine settimana un gruppo di vandali ha dato il peggio di sé in alcuni punti del centro. Vasi spaccati, rifiuti gettati in strada, cartelli stradali abbattuti: l’ennesimo episodio di maleducazione ha fatto infuriare il sindaco Emanuele Antonelli, che su Facebook ha sbottato: “Servono tanti soldi per stare dietro a questi stronzi. Presto, se posso, organizzerò corsi di educazione obbligatori per i genitori”.
Se quanto accaduto lo scorso weekend ha riacceso l’attenzione sui disagi vissuti dai commercianti del centro, che hanno manifestato le preoccupazioni vissute quotidianamente, martedì sera in Consiglio comunale si è discusso di problemi analoghi relativi a una zona poco distante dal cuore della città.

Siamo nel parcheggio pubblico di via Miani, nella zona dell’Istituto La Provvidenza e dell’oratorio San Luigi, a pochi passi dal palazzo municipale.
Qui, ha segnalato la consigliera del Gruppo Misto Mariangela Buttiglieri, si verifica il “costante e mai risolto problema del bivacco, con cittadini comunitari ed extracomunitari che già a partire dalle 20 stazionano nel parcheggio, gozzovigliando e imbrattando i muri degli edifici con le loro deiezione, spesso costringendo i bustocchi, in particolare le donne e gli anziani, a evitare la zona”.

La causa, ha sottolineato Buttiglieri, “è probabilmente da ricercarsi nelle attività commerciali site nelle vicinanze che, rimanendo aperte ben oltre il normale orario di lavoro, permettono a soggetti non certo rassicuranti di consumare alcolici in bottiglie di vetro nella pubblica via”.
La consigliera ha voluto portare il caso in assise perché, oltre a un evidente problema di ordine pubblico, “la situazione risulta insostenibile anche per chi possiede appartamenti e locali in quella zona e da tempo non riesce ad affittarli o venderli”.

L’assessore alla Sicurezza Max Rogora ha risposto che, da quando la collega ha presentato la sua interrogazione, “abbiamo effettuato diversi controlli e fatto venti verbali. Il fenomeno si è ridotto. Purtroppo questo non è l’unico caso di locali pubblici che creano problemi. Ci stiamo impegnando nei controlli”.
La leghista Paola Reguzzoni ha un’idea precisa: “In via Miani i problemi non si verificano solo di sera. Passo spesso in quella zona e posso dire che i bivacchi cominciano fin dal mattino, con tanto di bottiglie di birra che qualcuno evidentemente vende. Dobbiamo responsabilizzare le attività commerciali: se vendono alcolici, devono anche garantire l’ordine pubblico”.

E sempre a proposito di “decoro”, Diego Cornacchia ha sollecitato la giunta a riattivare l’uso dei servizi igienici in piazza Trento e Trieste e di collocare dei wc chimici a pagamento in tutti parchi pubblici.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA