Il locale nel globale, ecco come
Varese in prospettiva: dalla visione all’azione

VARESE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

«Diventare protagonisti del nostro futuro, immaginando alternative possibili. È un obiettivo ambizioso, ma al tempo stesso coerente con ruolo e competenze di Camera di Commercio, quello che ci siamo posti dando il la al progetto “Varese in Prospettiva”» parole del presidente della Camera di Commercio Fabio Lunghi che ha illustrato il senso della sfida lanciata dall’ente di piazza Monte Grappa: rileggere il nostro territorio, alla luce di quelle che sono le direttrici chiave dell’economia e della società globale, con cinque eventi ad alto profilo nell’arco di 180 giorni. «Ancora più significativo – dice sempre Lunghi – è però un passaggio che vuole caratterizzare questa analisi: procedere dalla visione all’azione in non più di sei mesi. Dalla conoscenza degli scenari vogliamo infatti giungere all’individuazione di una strategia territoriale flessibile, volta a vincere la sfida competitiva del futuro per le nostre imprese, valorizzando il talento delle giovani generazioni con le loro competenze e capacità».

Un percorso che prevede un’ampia e significativa parte di condivisione e coinvolgimento del territorio. «Certo, perché vogliamo costruire il nostro futuro insieme con le associazioni di categoria, gli enti locali e, in generale, il mondo dell’impresa. Vogliamo insomma essere inclusivi, portando anche vision che arrivano da altri territori e best practice internazionali per trovare benchmark d’eccellenza e avere fonti d’ispirazione che possano offrire punti di vista innovativi, ma anche concretamente tramutabili in realtà» continua Lunghi, entrando nel merito di un progetto che s’avvale della competenza scientifica dei ricercatori della LIUC-Università Cattaneo di Castellanza.

«È una metodologia innovativa per il territorio varesino quella che utilizzeremo in questo progetto voluto da Camera di Commercio» interviene Massimiliano Serati, direttore della Divisione Ricerca della LIUC Business School e del Centro di Ricerca sullo Sviluppo dei Territori e dei Settori. «Un modello d’analisi che prende gli scenari globali, ne traccia le traiettorie d’evoluzione e disegna dei mondi futuri possibili e alternativi. Su questo, si vanno a innestare punti di contatto e d’impatto per la provincia di Varese con le sue peculiarità socio-economiche. Peculiarità che verranno approfondite e discusse nell’ambito di tavoli tematici che avranno come focus i concetti che Camera di Commercio ha identificato quali driving force del sistema Varese: futuro, impresa e territorio».

Il percorso, che s’avvierà con un primo appuntamento già fissato per il 22 novembre alle Ville Ponti alla presenza di analisti di livello internazionale, si chiuderà a fine marzo, dopo appunto 180 giorni. Per quella circostanza dovranno essere individuate e condivise le azioni che definiscono l’operatività necessaria per consentire al sistema Varese di restare allineato con le grandi dinamiche di svolta e le trasformazioni in atto nello scenario globale. 

Copyright @2019