Il ventiduenne si trovava a Stresa
Violenza sessuale, rintracciato e arrestato un ivoriano

Tenta di violentare in pieno centro a Gallarate una donna, ivoriano di 22 anni rintracciato e arrestato dai carabinieri. I fatti risalgono al 10 marzo scorso

GALLARATE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Tenta di violentare in pieno centro una donna, ivoriano arrestato dai carabinieri. Nella mattinata di giovedì 23 maggio, i Carabinieri della Compagnia di Gallarate hanno eseguito l’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal Gip del Tribunale di Busto nei confronti del ventiduenne africano reo di violenza sessuale aggravata, già denunciato in passato per reati contro il patrimonio e la persona e per resistenza a pubblico ufficiale.

I fatti risalgono al 10 marzo scorso. Alle prime luci dell’alba, nel centro di Gallarate, il ragazzo aveva pedinato ed aggredito una 43enne dominicana, che era appena uscita da un bar per dirigersi verso casa. L’uomo, una volta raggiunta la vittima, l’aveva buttata a terra afferrandole il collo per poi abbassarle i leggins e gli slip e tapparle la bocca con una mano. Le urla della donna avevano attirato l’attenzione di una residente che, affacciatasi alla finestra, aveva gridato e messo in fuga il malintenzionato. Benché scossa e frastornata, la vittima, scampato il pericolo, aveva chiamato i Carabinieri che erano subito intervenuti sul posto per soccorrerla. Le indagini, avviate nell’immediatezza dall’Arma di Gallarate, hanno permesso, grazie all’acquisizione dei filmati delle telecamere di sorveglianza della zona e alle dichiarazioni rilasciate dalla stessa vittima e dai testimoni presenti all’interno del bar dal quale è partito l’inseguimento del violentatore, di identificare con certezza l’autore della violenza. Proprio i militari dell’Arma, già dalla prima visione delle telecamere, lo hanno riconosciuto per averlo già fermato e controllato diverse volte in passato. A confermare i sospetti dei Carabinieri le dichiarazioni dei testimoni, che lo hanno chiaramente indicato come l’autore del gesto. Gli elementi raccolti sono stati quindi valorizzati dalla Procura di Busto Arsizio, che ha richiesto la misura cautelare eseguita dall’Arma di Gallarate. I carabinieri hanno rintracciato il delinquente alla stazione ferroviaria di Stresa, accompagnandolo in carcere a Verbania.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA