Prosegue il tour del sindaco Mirella Cerini fra le imprese industriali locali
“Vogliamo capire insieme per poter costruire insieme le soluzioni migliori”

Castellanza è uno dei comuni a più alto tasso di industrializzazione dell’intera provincia di Varese. Dopo la Tiba Tricot e la Petrolvalves, è stata la volta della Brena Clemente e C. azienda leader nel settore delle costruzioni meccaniche che compie proprio quest’anno 100 anni di vita produttiva

Luciano Landoni

CASTELLANZA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Da un lato il governo giallorosso in carica che sembra aver dichiarato guerra al sistema industriale nazionale, infarcendo i provvedimenti economico-finanziari della legge di bilancio con massicce dosi di (pseudo)cultura anti-impresa (vedi la denuncia preoccupata dei presidenti delle Confindustrie Lombardia, Veneto, Piemonte e Emilia-Romagna), e dall’altro l’attenzione delle amministrazioni locali nei riguardi delle eccellenze manifatturiere del loro territorio.

Non fa eccezione, o meglio la fa in senso positivo, il sindaco di Castellanza, Mirella Cerini, che prosegue nel suo tour all’interno delle piccole e medie industrie castellanzesi.

Castellanza è uno dei comuni a più alto tasso di industrializzazione dell’intera provincia di Varese. Dopo la Tiba Tricot e la Petrolvalves, è stata la volta della Brena Clemente e C. azienda leader nel settore delle costruzioni meccaniche che compie proprio quest’anno 100 anni di vita produttiva.

“È questa la terza tappa del nostro viaggio – precisa il sindaco di Castellanza, Mirella Cerini che, accompagnata dalla presidente del Consiglio comunale Lisa Letruria, ha incontrato la famiglia Brenafinalizzato a conoscere la realtà produttiva in termini di attività svolta e capitale umano impiegato, a capire le problematiche e analizzare le proposte, per poi costruire insieme soluzioni concrete. Anche in questo caso, come nei precedenti, quello che colpisce è la passione e la curiosità che diventa il motore per connettere le conoscenze e creare innovazione made in Italy. La Brena è un’altra delle tante eccellenze produttive ancora presenti sul nostro territorio cittadino”.

Fondata nel 1919, la Brena Clemente inizia la propria attività nell’Altomilanese e diventa protagonista, insieme a tante altre realtà produttive lombarde, del passaggio/trasformazione da una società agricola ad una industriale. L’azienda ha mantenuto la conduzione familiare ed attualmente occupa 23 persone che rappresentato in tutto e per tutto il vero valore aggiunto dell’impresa. La superficie produttiva sfiora gli 8.000 metri quadrati (quasi 4.000 dei quali coperti) e il core business aziendale è focalizzato nella produzione di componenti e gruppi meccanici ad alto contenuto tecnologico, destinati ovunque esista la necessità di trasmettere il moto come coppie coniche, alberi di trasmissione, alberi primari e secondari, alberi scanalati, ingranaggeria per cambi di velocità e riduttori, gruppi di trasmissione per auto a 2 ed a 4 ruote motrici, gruppi di trasmissione per elicotteri, alberi motori scomponibili, ingranaggi distribuzione motore.

Insomma, un vero e proprio centro di eccellenza del settore metalmeccanico che è diventato un punto di riferimento per i comparti aeronautico, automobilistico (sportivo ed industriale), motociclistico (sportivo ed industriale), nautico (sportivo ed industriale).

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA