/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 06 gennaio 2021, 13:05

Vaccini, Grimoldi e Monti: «Perché il Governo non ha coinvolto i medici di famiglia?»

Siringhe sbagliate e consegne in ritardo da parte del Governo: «La Lombardia farà da sola»

Vaccini, Grimoldi e Monti: «Perché il Governo non ha coinvolto i medici di famiglia?»

La Lombardia si prepara a coinvolgere i propri medici di base per accelerare nella vaccinazione di massa. «Ma ancora una volta ci chiediamo dove sia il Governo, dove sia Arcuri, dove sia il famoso piano vaccinale», dicono l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega e segretario della Lega Lombarda Salvini Premier, e Emanuele Monti, presidente della Commissione Sanità della Regione Lombardia. 

«Ad Arcuri chiediamo: ci sono accordi integrativi nazionali con i sindacati dei medici di famiglia per coinvolgerli nelle vaccinazioni Covid? Ci sono indicazioni previste a livello nazionale per la fase 2 di vaccinazione che coinvolgerà la popolazione dopo aver terminato la vaccinazione del personale sanitario? Sarebbe bello avere delle risposte che per ora dal Governo non abbiamo» .

La Lombardia vuole correre, «ma per correre servono siringhe, vaccini e vaccinatori, per cui in Lombardia ci siamo già mossi per fare da soli e trovare un accordo con i medici di famiglia per disporre di esercito di vaccinatori sul nostro territorio, pronti a inoculare i vaccini quando li avremo» .

«Ma il Governo cosa sta facendo per aiutarci? Nulla purtroppo. Ci hanno mandato decine di migliaia di siringhe sbagliate e sono in ritardo sulle consegne. Oltre tutto i medici di base denunciano l’assenza nell’ultima legge Finanziaria appena approvata di un fondo integrativo per consentire le vaccinazioni di massa nelle rete territoriale degli ambulatori dei medici di famiglia. Ma possibile che il Governo non abbia provveduto?» 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore