/ Territorio

Che tempo fa

Cerca nel web

Territorio | 12 gennaio 2021, 13:51

#IoApro, quasi 200 attività tra Varese, Lecco e Como hanno già aderito alla giornata di protesta

I gruppi Telegram attraverso cui si sta organizzando l'apertura di ristoranti, bar e palestre per venerdì continuano a crescere mentre online corre la solidarietà dei cittadini

#IoApro, quasi 200 attività tra Varese, Lecco e Como hanno già aderito alla giornata di protesta

Sta raccogliendo consenso l'iniziativa #ioapro (leggi qui le prime reazioni a Varese tra alcuni ristoratori molto conosciuti) nata e cresciuta sui social tra i titolari di ristoranti, bar e palestre, le attività più colpite dalle misure restrittive e che ora rischiano davvero la chiusura. I proprietari si stanno organizzando in maniera del tutto indipendente e spontanea su Telegram, con gruppi divisi per regioni e province in cui confermare la propria adesione e coordinare la giornata di aperture.

La protesta consiste infatti nel violare le misure anti contagio e accogliere nei locali i clienti, attenendosi comunque alle ultime disposizioni, rispettando il distanziamento fisico e l'obbligo delle mascherine. Un'azione di disobbedienza civile che, a differenza delle prime manifestazioni, pare trovare oggi sostegno e solidarietà anche da parte della popolazione. Se le attività resteranno aperte, in molti si dicono pronti a sostenerle andando, per esempio, a pranzo e cena fuori.

La sensazione è che il sentimento di smarrimento cresca nella popolazione e che si stenti a capire la ratio con cui sono state disposte alcune chiusure da una parte mentre dall'altra mancano misure di sostegno immediate ma soprattutto adeguate che possano garantire la sopravvivenza delle attività più colpite fino al momento in cui il ritorno alla normalità sarà garantito.

Valentina Fumagalli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore