/ Legnano

Che tempo fa

Cerca nel web

Legnano | 20 gennaio 2021, 14:39

Presentate e discusse in commissione le proposte di modifica al regolamento delle consulte territoriali

Divisione in quartieri, candidabilità dei sedicenni, durata e modalità di nomina

Presentate e discusse in commissione le proposte di modifica al regolamento delle consulte territoriali

Illustrate dall’assessore alla Quotidianità Monica Berna Nasca, discusse e integrate nella commissione 1, “Affari generali”, le proposte di modifica al regolamento delle consulte territoriali passeranno adesso al voto del Consiglio Comunale del 21 e 22 gennaio.

Le novità principali proposte per il regolamento riguardano la divisione delle consulte in quartieri, che saranno dieci in tutto con tre membri cadauno.

Tre saranno i quartieri per la consulta Oltresempione: Oltresempione, Canazza e Olmina. Tre per il Centro: Costa, Centro e San Martino. Quattro per l’Oltrestazione: Oltrestazione, Oltreponte (San Bernardino), San Paolo e Mazzafame.

Fra i tre rappresentanti del quartiere Olmina uno dovrà risiedere nell’Oltresaronnese.

Modifica proposta anche per la durata del mandato delle consulte, che non andrà più in parallelo al mandato del consiglio comunale, ma sarà di 36 mesi. Diverse sono anche le modalità per le candidature, che dovranno essere supportate dalle firme di cittadini residenti nel territorio della consulta stessa. Nella discussione sono state recepite due richieste di modifica: i sedicenni potranno candidarsi e il numero delle firme da raccogliere, inizialmente fissato a venti, è stato portato a dieci.

«In commissione si è sviluppata una discussione molto proficua – dice Berna Nasca– e per questo rivolgo un ringraziamento a tutti i consiglieri per il loro contributo e le loro proposte. Pur nella diversità delle posizioni espresse si è arrivati su alcuni aspetti a una sintesi che non esito a definire soddisfacente. Di assoluto rilievo è l’introduzione della possibilità per i minorenni con sedici anni compiuti di candidarsi, decisione che vuole stimolare i giovani a interessarsi in modo attivo alla vita della città.

Quanto alle modifiche al regolamento che ho illustrato in commissione queste vanno nella direzione di una rappresentanza più puntuale delle zone in cui ogni consulta è divisa. Ogni quartiere presenta le sue specificità e i suoi problemi, quindi ci è parso corretto ripartire i territori e ricalibrarne la rappresentanza per dare voce a tutti. Importante ci è parso anche slegare le consulte dal consiglio comunale e dalla logica di rappresentanza partitica o di lista; l’obiettivo è stimolare la partecipazione dei cittadini e non riprodurre in scala ridotta l’aula. Sempre nell’ottica di promuovere la partecipazione dal basso abbiamo pensato di reintrodurre la raccolta delle firme a supporto delle candidature: chi desidera entrare a far parte delle consulte, autonomamente, deve attivarsi nel suo territorio presentandosi e illustrando il suo impegno a favore del quartiere di riferimento».

È in fase di valutazione, per finalizzare il documento che sarà presentato in consiglio comunale, la proposta avanzata dal Movimento dei cittadini sull’istituzione dei Consigli di quartiere.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore