/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 22 gennaio 2021, 18:45

Dati sbagliati, la Lombardia verso la zona arancione da domenica

Accertato un errore di calcolo dell'indice Rt che nei giorni scorsi aveva posizionato la nostra regione nella fascia più a rischio. La cabina di regia modifica il provvedimento: l'ufficialità a ore

Dati sbagliati, la Lombardia verso la zona arancione da domenica

La Lombardia tornerà domenica in zona arancione. E' attesa in serata l'ufficialità, ma governo e Pirellone hanno trovato l'intesa dopo le feroci polemiche di questi giorni, culminate dalle accuse a distanza nella giornata di oggi.

A mettere la parola fine a una querelle iniziata nel fine settimana scorso con il ricorso presentato al Tar dalla Regione Lombardia è stato oggi pomeriggio l'indice Rt, il valore che indica l'indice di contagio (leggi QUI e QUI). Un errore di calcolo ha infatti mandato in zona rossa la Lombardia, quando in realtà sarebbe dovuta essere in arancione. Da qui il nuovo calcolo e il riposizionamento della Lombardia.

Secondo la Regione i dati comunicati a Roma sono sempre stati corretti. Il ministero della Salute però rigetta le accuse sostenendo che la decisione è stata presa in base ai dati inviati e poi rettificati. Fatto sta che la cabina di regia riunitasi tutto il pomeriggio di oggi ha riconosciuto, secondo quanto riportano i principali quotidiani nazionali, l'errore e ha dato il via libera all'ordinanza, attesa in serata, e che posizionerà la nostra regione in fascia arancione a partire da domenica.

Con la fascia arancione potranno riaprire tutti i negozi e ci si potrà spostare liberamente all'interno del comune di residenza (resta valida la deroga dei comuni con meno di 5.000 abitanti che possono spostarsi nel raggio di 30 chilometri, ad eccezione che per raggiungere il capoluogo di provincia).

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore