/ Busto Arsizio

Che tempo fa

Cerca nel web

Busto Arsizio | 28 gennaio 2021, 16:45

Coronavirus, politica locale e ambiente. I temi delle Giöbie

Commercianti di Sacconago e Comunità Giovanile vogliono bruciare il virus, mentre la scuola dell’infanzia Soglian propone un fantoccio ecologista. «Allora ti ricandidi o no?» chiede invece al sindaco Antonelli la composizione della Lega Giovani intitolata «L’assalto al municipio»

Coronavirus, politica locale e ambiente. I temi delle Giöbie

Coronavirus, politica e ambiente. Sono i temi delle – inevitabilmente – poche Giöbie esposte in piazza Santa Maria che questa sera verranno bruciate in piazzale Einaudi. A causa delle restrizioni introdotte per contrastare la pandemia, il rogo si terrà senza pubblico. Chi vorrà gustarsi comunque il falò potrà seguirlo sul sito o sulla pagina Facebook dell’Informazioneonline.

Come l’Istituto La Provvidenza (che in mattinata ha acceso il primo fuoco: leggi qui), l’associazione Sacconago commercianti, artigiani & co. e Comunità Giovanile hanno incentrato il manufatto sul Covid.
Il gruppo sinaghino ha realizzato un grande coronavirus affiancato da un’enorme siringa con il vaccino, sottolineando come col passare dei mesi si sia passati dagli slogan «Io resto a casa» e «Andrà tutto bene» a «Io mi vaccino» e… «Sperém in ben».

Il virus di Comunità Giovanile, invece, è accompagnato dalle brutture che i ragazzi di vicolo Carpi vorrebbero lasciarsi alle spalle con il falò: chiusure, depressione, dad, cassa integrazione, banchi a rotelle, dpcm, disoccupazione e così via.

La Lega Giovani di Busto ha messo in scena «l’assalto al municipio». Un riferimento all’assalto al Congresso americano (richiamato dal vichingo che ha guidato l’attacco), ma in salsa bustocca. «Allora ti ricandidi o no?», chiedono al sindaco Emanuele Antonelli, che non ha ancora sciolto ufficialmente la riserva in vista delle elezioni di quest’anno. Nel quadretto, c’è anche il governatore della Campania Vincenzo De Luca armato di lanciafiamme.

Anche i bambini della scuola dell’infanzia Soglian di Borsano hanno dato vita a un fantoccio, nell’ambito del progetto “green school”. «Cara Giöbia – scrivono – se plastica continui ad usare, tanti rifiuti ad abbandonare e il pianeta a soffocare, la nostra Terra la pazienza perderà e più bella non tornerà».

Riccardo Canetta

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore