/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 03 febbraio 2021, 17:07

Farioli: «Nessuna spaccatura nel centrodestra. Non correrò da solo»

Elezioni comunali: Forza Italia rivendica più spazio per le realtà moderate e liberali, anche a Busto. Il commissario cittadino Gigi Farioli sta dialogando con alcune forze civiche ma mette a tacere le voci di rottura della coalizione: «Non esiste alcuna ipotesi di scontro o di spaccatura e men che meno di corsa autonoma né di Forza Italia né del sottoscritto»

Farioli: «Nessuna spaccatura nel centrodestra. Non correrò da solo»

Elezioni comunali: Forza Italia rivendica più spazio per le realtà moderate e liberali, anche a Busto. L'assessore Gigi Farioli, commissario cittadino del partito, sta dialogando con alcune forze civiche ma mette a tacere le voci di rottura della coalizione: «Non esiste alcuna concreta ipotesi di scontro o di spaccatura e men che meno di corsa autonoma, distinta o solitaria, né di Forza Italia né del sottoscritto».
Di seguito la nota stampa diffusa dallo stesso Farioli.

In merito al dibattito in corso sull’approccio alla prossima tornata amministrativa, entrato nel vivo in questi giorni, con una improvvisa e forse non inutile accelerazione, credo necessarie a titolo personale, ma ancor più del movimento politico di cui mi onoro essere appartenente, alcune doverose precisazioni.

E ciò, all’evidente fine di evitare che argomentazioni e riflessioni, pur suggestive e giornalisticamente ghiotte, abbiano il sopravvento e acquisiscano i toni del surreale. Come a tutti i livelli, in uno con il nostro provinciale e regionale e in sintonia con loro, noi auspichiamo L’Unità della coalizione di centrodestra che, ripeto a tutti i livelli Forza Italia ha inventato e trasformato in credibile proposta di governo. Proprio a tal fine abbiamo posto la necessità di una adeguata presenza e visibilità delle forze liberali, popolari, cristiane e moderate, che Forza Italia per storia e cultura ha il dovere, prima ancora che il diritto di rappresentare.

Esigenza che posta al tavolo regionale e provinciale con forza è stata riconosciuta dagli alleati tradizionali legittima e meritevole di approfondimento, con le ovvie specifiche declinazioni a livello locale. Per quanto concerne Busto, coerentemente stiamo e, personalmente, sto lavorando affinché la proposta elettorale sia basata su solide basi valoriali e programmatiche e che risulti il meno autoreferenziale e più inclusiva possibile.

Da qui, insieme con la conferma, oltre che delle consolidate alleanze del passato, Lega in primis, Pdl, Alleanza Nazionale e loro eredi, anche con tutte quelle forze civiche che, già organicamente alleate in Provincia con Forza Italia e il centrodestra, intendano proporsi per contribuire al futuro della nostra amata Città.

Va da sé che quindi sia con i “civici” di maggioranza che siedono in consiglio o hanno già contribuito alla elezione dell’odierna maggioranza (Risvegliamo Busto, Idee in Comune, Busto al Centro) intendiamo approfondire ogni tentativo per giungere, ripeto, a una proposta inclusiva, chiara e vincente. Così come è indispensabile aprire un ampio dibattito su temi che, propri di un’area vasta, coinvolgono necessariamente uno scenario più ampio e non esauribili nel perimetro angusto di una maggioranza o una minoranza: politiche sanitarie, vedi ospedale e medicina pre e post ospedaliera territoriale, politiche delle partecipate in tema energetico e ambientale, rapporti con l’aeroporto e l’area metropolitana, che necessitano sin d’ora visioni il più possibile coscienti e condivise.

Va da sé quindi che oggi NON esiste alcuna concreta ipotesi di scontro o di spaccatura e men che meno di corsa autonoma, distinta o solitaria né di Forza Italia né men che meno del sottoscritto, che anche per storia personale, ha sempre cercato di unire più che dividere.

Da uomo innamorato della Politica e della Sua Città continuerò ad impegnarmi su questa strada attenendomi alle determinazioni che in Forza Italia e sui diversi tavoli del centrodestra verranno assunte. Con l’auspicio che anche a Busto presto si entri nel merito di un approfondimento tematico che veda presenti sin dall’inizio, oltre alle forze storiche Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia anche quelle formazioni che sin d’ora si riconoscano in questa metà campo (Busto Grande, Idee in Comune, Risvegliamo Busto, Noi con l’Italia, Cambiamo e Udc).

E con l’ambizione, spero non velleitaria, di una sintesi alta, nobile e solida e inclusiva magari ancor più ampia. Diceva un vecchio saggio “Fai ciò che credi, succeda quel che può”. Sempre rispettando le scelte degli organi di movimento e di coalizione.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore