/ Economia

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia | 06 febbraio 2021, 16:48

La storia di Giovanni Battista Trotti, il "gallaratese con le ali" diventa un libro

A raccontare la vita del pioniere del volo del Varesotto che inizia a progettare un aeroplano in casa sua, per diventare nel 1910 il primo costruttore aeronautico del nostro territorio, è lo scrittore bustocco Alberto Grampa: «Ha anticipato il più noto Gianni Caproni»

La storia di Giovanni Battista Trotti, il "gallaratese con le ali" diventa un libro

L'affascinante vita di Giovanni Battista Trotti, presto soprannominato "il gallaratese con le ali", diventa un libro, il cui autore è lo scrittore di Busto Arsizio Alberto Grampa, appassionato di storia dell'aviazione che grazie alla disponibilità della figlia di Trotti, Grazia, ha potuto consultare l'archivio di famiglia di questo pioniere del volo.

A presentare il libro appena uscito e la figura di Giovanni Battista Trotti è Marco Limbiati di Hangar Italy. «Siamo a Gallarate, il cui il glorioso passato industriale e manifatturiero si rivede oggi nei diversi capannoni industriali in stile liberty realizzati agli del 1900 e Giovanni Battista Trotti inizia a progettare un aeroplano in casa - racconta Limbiati -  poi, con l’intervento di Cesare Galdabini che gli concede parte del suo stabilimento, trova spazi più ampi e consoni alla costruzione dell’apparecchio. Lo slancio e la passione verso questa iniziativa aeronautica sono tali che lo stesso Galdabini apre un apposito reparto dedito alla costruzione di eliche su progetto dell’ingegner Berri. E’ il 20 maggio 1910 e, con la costituzione della "Società Anonima Cooperativa di Aviazione di Gallarate", Giovanni Battista Trotti si può onorare di essere stato il primo costruttore aeronautico varesino anticipando e non è poca cosa anche il più noto ingegnere Gianni Caproni».

L’aeroplano viene completato, portato al Campo Sportivo della Società Ginnastica Gallaratese e messo in moto di fronte ad un incredulo e festoso pubblico che aveva pagato un biglietto per assistere ad una spettacolo, per l’epoca, unico del suo genere, manca però lo spazio per farlo decollare e l’esperimento viene rimandato pensando di portare l’apparecchio nei giorni successivi nella brughiera tra Vizzola Ticino, Cascina Malpensa e Cascina Costa,  ma questo non avvenne ed il progetto venne abbandonato. Giovanni Battista Trotti non si vuole arrendere e malgrado la società venga sciolta, il progetto di costruire un altro apparecchio è quanto mai vivo visto anche l'interesse di un gruppo di imprenditori di Bergamo intenzionati ad aprire una Scuola di Pilotaggio (cosi come si legge in un scambio epistolare). Ma la passione non basta e l’accordo non si concretizza.  

Siamo alla vigilia dell’entrata in guerra dell’Italia nel Primo Conflitto Mondiale e Giovanni Battista è uno studente al Politecnico di Milano facoltà di ingegneria , ma sempre interessato alla meccanica e all’aviazione. L'arrivo a Gallarate del Battaglione Volontari Ciclisti ed Automobilisti, lo distoglie dallo studio ed insieme a questi militari, tra cui spiccano le figure dei futuristi Marinetti, Boccioni, Sant’Elia, un addestramento di alcune settimane prima di partire volontario per il fronte. Dopo alcuni mesi trascorsi in zona di guerra, la sua domanda di passare ad un reparto di aviazione viene accolta e trasferito prima alla scuola di pilotaggio di Cameri (nelle vicinanze di Novara) dove  nel 1916 consegue il brevetto di pilota, poi alla scuola di Cascina Malpensa per l’abilitazione al pilotaggio dei grandi bombardieri Caproni. Assegnato alla 1ª Squadriglia da bombardamento e successivamente all’11ª Squadriglia che opera nei cieli dell'Albania, il Trotti divenuto nel frattempo ufficiale, mette in evidenza le sue doti di ardimento, entusiasmo e perizia oltre che di provetto pilota, tanto da assumere il comando di questo reparto che gli varrà poi il conferimento di una medaglia di bronzo al Valor Militare. La "storia aviatoria" di Giovanni Battista Trotti finisce nel 1919 congiuntamente al suo congedo militare. Malgrado la passione per il volo è più che mai viva, l’esperienza della guerra deve averlo segnato profondamente e decide di ritornare alla vita civile proseguendo l’attività di famiglia nella gestione di un’avviata agenzia assicurativa. Muore a Gallarate nel 1974.    

Quello de "Il Gallaratese con le Ali", ovvero una biografia dedicata a Giovanni Battista Trotti, è una sfida in cui Alberto Grampa ha dedicato oltre due anni di ricerche ed ha convinto l’editore Pietro Macchione di darlo alle stampe. «Non è stato facile – come sottolinea l'autore del libro - trovare documenti e testimonianze dal momento che è un personaggio poco noto anche per l'archivio storico dell’Aeronautica Militare e dell’Esercito. Di grande aiuto è stata la figlia, la signora Grazia, che mi ha aperto l’archivio del padre ed i suoi ricordi. Da sottolineare poi l’apporto alle ricerche da parte degli amici Pietro Galdangelo, Gianfranco Borroni, Massimo Palazzi, Maurizio Lovetti, Rinaldo Binaghi, il colonnello Michele Ciorra e di Luigi Galdabini. Una citazione particolare a mia moglie Marina, sempre consigliera e prima correttrice delle bozze dei miei lavori. Sono contento di questo mio lavoro, ammetto che non pensavo di riuscire a portarlo a termine, per aver fatto conoscere la figura di Giovanni Battista Trotti, un gallaratese doc, e quanto ha contribuito a scrivere un pezzetto quanto mai avvincente della storia aviatoria della nostra provincia. Un autodidatta, diventato prima costruttore aeronautico e poi affermato pilota di bombardieri».  

 

M. Fon.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore