/ Busto Arsizio

Che tempo fa

Cerca nel web

Busto Arsizio | 09 febbraio 2021, 11:47

Pulizia e messa in sicurezza: dopo l’omicidio iniziano i lavori in vicolo Landriani. Sopralluogo del sindaco

Questa mattina il primo cittadino ha visitato l’area dove a dicembre fu ritrovato il cadavere di una donna. Gli operai stanno ripulendo la zona, poi verranno chiusi gli accessi all’edificio. «Questa incombenza spettava al curatore fallimentare – spiega Antonelli – ma anticipiamo l’intervento per la sicurezza di chi abita qui vicino»

Pulizia e messa in sicurezza: dopo l’omicidio iniziano i lavori in vicolo Landriani. Sopralluogo del sindaco

Sono iniziati ieri i lavori di pulizia e messa in sicurezza dell’area di vicolo Landriani. Questa mattina il sindaco Emanuele Antonelli ha effettuato un sopralluogo.

Qui, in mezzo al degrado, lo scorso 13 dicembre era stato trovato il corpo di una donna, morta dopo aver ricevuto uno o più colpi.
I problemi di questa zona, a due passi dal centro di Busto Arsizio, sono noti. Nel corso degli anni sono state numerose le segnalazioni di schiamazzi e consumo di sostanze stupefacenti da parte di gruppi di giovani che si ritrovano a tarda sera nel parcheggio comunale.

Ma la situazione più preoccupante riguarda l’edificio vicino al posteggio, oggetto di fallimento, diventato un ritrovo di persone che vivono ai margini della società. Lì accanto, in una piccola baracca del cantiere immersa tra rifiuti di ogni tipo, a dicembre è stato rinvenuto il corpo della vittima.

Dopo questa tragedia, con il dissequestro dell’area il sindaco Antonelli ha voluto accelerare l’intervento di messa in sicurezza. «Questa incombenza non spettava a noi, ma al curatore fallimentare – spiega il primo cittadino –. Ci tocca anticipare i soldi e questo per il momento ci impedirà di fare qualcos’altro. Ma questo intervento è una priorità per la sicurezza di chi abita qui vicino».

L’investimento previsto è di 70-80 mila euro. La maggior parte della spesa riguarderà la chiusura degli accessi dell’edificio. «La cifra rientrerà nelle casse comunali quando il curatore venderà all’asta l’immobile- precisa Antonelli –. Speriamo il più in fretta possibile, perché ci servono i soldi per fare altre opere».

La pulizia dell’area richiederà due o tre giorni di lavoro, poi inizierà la chiusura degli ingressi all’edificio: nel giro di due mesi al massimo l’area dovrebbe finalmente ritrovare decoro e sicurezza.

Riccardo Canetta

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore