/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 13 febbraio 2021, 11:27

Gorla Maggiore piange don Franco Colombo, parroco del paese per vent'anni

Sacerdote legatissimo alla “sua” Gorla Maggiore e ai tanti giovani che ha cresciuto dentro l'oratorio. Don Franco ha lasciato un ricordo indelebile in paese e la tristezza è tanta in tutta la comunità. Aveva compiuto 85 anni il 2 novembre scorso. Martedì il funerale in paese, alle 13.30

Gorla Maggiore piange don Franco Colombo, parroco del paese per vent'anni

La comunità di Gorla Maggiore piange don Franco Colombo, parroco del paese dal 1981 e per oltre vent'anni, fino al 2002. Legatissimo alla “sua” Gorla Maggiore e soprattutto ai tanti giovani che ha cresciuto dentro l'oratorio, giovani ormai adulti che ancora oggi si spendono nelle attività della parrocchia e per la comunità.

Don Franco ha lasciato un ricordo indelebile in paese. E la tristezza questa mattina è tanta in tutta la comunità, appena la notizia della sua morte ha raggiunto il paese. Aveva compiuto 85 anni il 2 novembre scorso e nel 2020 aveva tagliato il traguardo dei 60 anni di sacerdozio. Da qualche anno stava trascorrendo la “pensione” a Lecco, nella parrocchia del rione Maggianico, vicino alla sua comunità nativa. Ma Gorla Maggiore, che oggi lo piange e lo ricorda, era nel suo cuore.
Non si faceva mancare una telefonata agli amici parrocchiani, così come, fin quando ha potuto, accoglieva sempre con piacere gli inviti a partecipare alle celebrazioni solenni della parrocchia. Desiderava restare a Gorla Maggiore per l'eternità, e così sarà.

Martedì 16 febbraio, dopo la santa messa di suffragio alle 13.30, la salma di don Franco Colombo sarà trasferita al cimitero di Gorla Maggiore, dove riposerà nella “Cappella dei Sacerdoti” al camposanto.

«Quando sono arrivato a Gorla Maggiore – ricorda l'attuale parroco, don Valentino Viganò – ho trovato un affetto immutato per don Franco, nonostante non fosse più il parroco del paese da diversi anni. L'oratorio era il suo riferimento, ma ha saputo farsi volere bene e apprezzare da tutti i parrocchiani con l'originalità del suo carattere. Ora ricambiamo il bene ricevuto da don Franco accogliendolo per l'eternità nella nostra parrocchia, come lui desiderava».

Ciao Don, ora la tua Gorla Maggiore prega per te.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore