/ Economia

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia | 15 febbraio 2021, 17:36

Fontana: «La Lombardia ce la farà, alle imprese servono fiducia e finanza»

Il presidente della Regione è stato ospite di un webinar sulle iniziative di Finlombarda per le aziende organizzato da Univa: «Capacità e voglia di reagire non mancano ai nostri imprenditori, speriamo che il nuovo Governo consideri le nostre proposte da 36 miliardi per il Recovery Fund, cosa che il precedente esecutivo non ha fatto»

Fontana: «La Lombardia ce la farà, alle imprese servono fiducia e finanza»

«Non ho dubbi che la Lombardia ce la farà e se riparte la nostra regione riparte anche tutto il Paese»; con queste parole improntate alla fiducia, nonostante il momento economico molto difficile, il presidente della Regione Attilio Fontana ha concluso il suo intervento nel corso del webinar organizzato dall'Unione degli Industriali della provincia di Varese incentrato sulle opportunità che Finlombarda spa, la finanziaria della Regione, mette a disposizione delle imprese. 

Il governatore non si è limitato a un semplice saluto istituzionale. «La situazione da affrontare è difficile e anche le stime di crescita sono inferiori a quanto si pensava - ha sottolineato Fontana - l'epidemia non molla e senza la sconfitta del virus tutto è molto più complicato. La Regione, attraverso Finlombarda ha deciso di intervenire per agevolare il credito in particolare alle Pmi con un piano di interventi da 4 miliardi per far ripartire almeno alcune filiere e un piano di sussidi per coloro che non hanno ricevuto ristori dal Governo». Il presidente si è rivolto poi agli imprenditori, i quali «hanno bisogno di fiducia e finanza perché di loro hanno capacità e voglia di reagire che non ha eguali». Il rilancio non può non passare dal Recovery Fund. «Abbiamo presentato al Governo progetti per 36 miliardi che speriamo il nuovo esecutivo possa prendere in considerazione a differenza del precedente - ha proseguito Fontana - abbiamo fiducia in Finlombarda e nella sua capacità di dare risposte rapide e sintetiche alle aziende».

Che le imprese della provincia di Varese non abbiamo assolutamente mollato la presa lo ha dimostrato anche il fatto che anche in un anno difficilissimo come il 2020, il 62% delle aziende intervistate da Univa ha continuato a investire e lo farà ancora nel 2021, come ricordato dal presidente dell'Unione degli Industriali varesina Roberto Grassi. «La finanza d'impresa è fondamentale per la ripresa - ha detto il leader degli industriali della provincia di Varese - non esiste sostenibilità dell'impresa se non c'è sostenibilità finanziaria. Le nostre aziende stanno dimostrando grande capacità di resilienza, non chiediamo aiuti o sussidi ma alle istituzioni e a Finlombarda chiediamo velocità di esecuzione, snellimento burocratico nelle pratiche e tutoraggio». Finlombarda è pronta a fare la propria parte come ha raccontato il consigliere delegato Ignazio Parrinello prima che il direttore Giovanni Rallo entrasse nel merito delle varie proposte di sostegno al credito messe sul tavolo dalla finanziaria regionale. «Nostro compito è favorire lo sviluppo economico e imprenditoriale della Lombardia, investendo su misure reali e non sull'assistenzialismo - ha osservato Parrinello - anche il sistema bancario deve fare la propria parte, facendosi parte della soluzione del problema, dando risposte veloci alle imprese che dal canto loro devono presentare progetti credibili». Sono diverse le proposte di Finlombarda per le attività di credito, sia facendo leva sulle proprie risorse sia con prodotti misti e quindi utilizzando anche risorse pubbliche regionali. 

 

 

 

Matteo Fontana

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore