/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 15 febbraio 2021, 12:12

Pallamano Cassano, fieri di voi: eh sì, è solo l'inizio

Un fiume di affetto per gli atleti che hanno sfiorato l'impresa alle finali di Coppa Italia. Una società di 350 ragazzi che ha dato segnali importanti anche in un anno reso difficile dall'emergenza sanitaria

Nella foto di Davide Bianchi, da sinistra Sasa Milanovic (viceallenatore maschile e allenatore della femminile) Cristiano Braggion (presidente del Cassano Magnago Handball Club) e Davide Kolec (allenatore della maschile)

Nella foto di Davide Bianchi, da sinistra Sasa Milanovic (viceallenatore maschile e allenatore della femminile) Cristiano Braggion (presidente del Cassano Magnago Handball Club) e Davide Kolec (allenatore della maschile)

«A questi ragazzi un semplice ed immenso GRAZIE! La loro STORIA è appena cominciata, sentiremo ancora parlare di loro!». Un post di riconoscenza che suona come una promessa, quello pubblicato all'indomani del sogno sfiorato dalla Pallamano Cassano.

I ragazzi a Salsomaggiore Terme hanno tentato l'impresa contro la corazzata Conversano alle finali di Coppa Italia. È finita 29-27 (LEGGI QUI) e certo dispiace che dopo la cavalcata si sia sfiorato il cielo con un dito senza poterlo conquistare. Ma l'impresa è già avvenuta: essere arrivati fino a lì e aver dato del filo da torcere, averci sempre creduto. In questi tempi gravati dall'emergenza sanitaria che frena anche lo sport, era ancora più importante.

«In un periodo difficile serviva una svolta psicologica - conferma il responsabile della comunicazione Luca Basile - I ragazzi hanno dato una risposta grandiosa, entrando in questa final eight, con pochissime chance. Invece si sono sentite la voglia di riscatto e la grinta».

La pallamano è uno sport che all'estero spopola - pensiamo in Francia - e nel nostro Paese ha molti meno riflettori puntati. Sul territorio si è creata quest'isola felice, che in realtà è un arcipelago: 350 i ragazzi e le ragazze (due squadre in A1), tra le varie categorie. Molto si punta anche sulle scuole, ma quest'anno purtroppo - sempre per il virus - è stato impossibile.

Poche le risorse economiche, ci si deve affidare a tanti sponsor che danno una preziosa quota per coprire i budget. Per far giocare anche il settore giovanile in completa sicurezza, si è chiesto un aiuto ai genitori in modo da eseguire costanti tamponi

Una grande famiglia, che ha voglia di sognare e ha dimostrato di poterlo fare perfettamente. 

Marilena Lualdi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore