/ Busto Arsizio

Che tempo fa

Cerca nel web

Busto Arsizio | 22 febbraio 2021, 09:23

Il Gruppo scout Busto Arsizio 3 festeggia la “Giornata del Pensiero”. Un ritorno alla normalità

Quest’anno, la tradizionale occasione in cui viene ricordato il fondatore del movimento è stata dedicata al tema della pace. Una prova di normalità all’aria aperta apprezzata anche dai genitori di ragazzi a lungo costretti a rimanere diverse ore davanti a uno schermo per seguire le lezioni

Il Gruppo scout Busto Arsizio 3 festeggia la “Giornata del Pensiero”. Un ritorno alla normalità

Il Gruppo scout Busto Arsizio 3 si è incontrato domenica pomeriggio nella sede in via Pepe per festeggiare, con un incontro comunitario, il Thinking Day, la Giornata del Pensiero. Si tratta dell’occasione annuale in cui si ricorda il fondatore del movimento scout Robert Baden Powell, e che ogni anno segue un tema nuovo.

Quello di quest’anno è stato “la pace”. Su questo tema si sono basate le attività svolte – nel pieno rispetto dei Dpcm e seguendo ulteriori regole interne – dagli scout, a lungo fermi a causa dei lockdown, il più possibile a contatto con la natura, prima di incontrarsi davanti al grosso issa-bandiera in legno della loro sede.

Sono stati coinvolti nell’ammainabandiera tutti i capi adulti, i bambini e i ragazzi delle diverse unità presenti nel Busto Arsizio 3, ovvero: i castorini delle colonie Stella Azzurra e Grande Alce (dai 5 ai 7 anni); i lupi dei branchi Lupi della Brughiera, Albero del Dhak, Tikonderoga, (dagli 8 ai 12 anni); i reparti Perseo, Phoenix, (dai 13 ai 16 anni); del Noviziato (17 anni) e del Clan (18 anni in su).

Tutte le unità si sono trovate a scaglioni, per evitare assembramenti, per poi fare il tradizionale “Rinnovo della promessa”, ovvero ripetere tutti assieme la promessa scout in un contesto di fratellanza mondiale.

Una prova di ritorno alla normalità

Questo esperimento di ritorno alla normalità è stato ritenuto dai capigruppo Giacomo Verneau e Sara Michela Lualdi più che riuscito, ed entrambi sperano di poterlo ripetere nel corso dell’anno, quando sarà il momento di celebrare altre giornate importanti per l’associazione. A chiederglielo, oltre alla loro voglia di avventura e di compiere buone azioni, sono anche i genitori dei ragazzi che molti di questi educatori seguono. Proprio questi, infatti, esprimono sempre più spesso il desiderano di vedere i loro figli, costretti per molto tempo davanti ad uno schermo in seguito alla didattica a distanza, il più distanti possibili dai computer almeno nel fine settimana.

Che cos’è il Thinking Day

Istituito per la prima volta nel nel 1926 nel corso della alla quarta Conferenza Internazionale del Guidismo, tenutasi presso Camp Edith Macy delle Girl Scouts of the USA, su segnalazione di alcune delegate della conferenza che evidenziarono il bisogno di un giorno speciale internazionale in cui le Guide dedicassero il loro pensiero alla diffusione del Guidismo e alle loro "sorelle" Guide nel mondo.

Nel 1932 fu scelto il giorno 22 febbraio in quanto compleanno di Olave Baden-Powell, Capo Guida del Mondo, e di suo marito Robert Baden-Powell, fondatore del movimento scout. Alcune associazioni che aderiscono contemporaneamente sia all'AMGE che all'OMMS, come ad esempio l'AGESCI e il CNGEI, in questa data festeggiano il Thinking Day anche con la loro componente maschile.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore