/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | 23 febbraio 2021, 15:24

Emozioni, proposte e voglia di rilancio: artisti e addetti ai lavori hanno riacceso il Teatro Pasta di Saronno

Il presidente della Fondazione Giuditta Pasta Oscar Masciadri: «Il teatro deve continuare a vivere, ha bisogno di questo. Sappiamo che ci sono dei cittadini che ci stanno aspettando e cercheremo di ripartire, appena potremo, rinnovandoci e proponendo qualcosa di nuovo»

Emozioni, proposte e voglia di rilancio: artisti e addetti ai lavori hanno riacceso il Teatro Pasta di Saronno

«Il teatro deve continuare a vivere, ha bisogno di questo. Sappiamo che ci sono dei cittadini che ci stanno aspettando e cercheremo di ripartire, appena potremo, rinnovandoci e proponendo qualcosa di nuovo. È questa la sfida a cui siamo chiamati adesso».

Sono le parole del presidente della Fondazione Giuditta Pasta Oscar Masciadri che ieri sera con tutto il suo staff ha acceso le luci del celebre teatro di Saronno. Come riporta ilSaronno.it dalle 19, in contemporanea con molte realtà su tutto il territorio nazionale, si sono accese, oltre all’insegna, le luci del foyer, della sala e del palco.

Ma non solo. Il teatro Pasta, con la collaborazione de IlSaronno.it nell’ambito dell’iniziativa Unita, ha dato voce a tanti artisti che si sono messi a disposizione per raccontare quest’anno così difficile e la speranza di una ripartenza il più tempestiva possibile.

Stefano Chiodaroli ha parlato di cosa si è perso in quest’anno di chiusure, Leonardo Manera ha stigmatizzato “questa sorta di quaresima senza spettacoli che impoversisce la società” mentre Dario Canossi ha parlato della voglia degli artisti di esibirsi della difficioltà di non avere il contatto con il pubblico. La fondatrice della compagnia di operette Elisa D’Angelo ha raccontato l’emozione del “tornare a teatro” mentre con grinta Silvia Priori ha lanciato alcune idee per far tornare a vivere il teatro. Enrico Barlocco dei Legnanesi ha posto l’accetto sulla necessità di una strategia per far ripartire un settore che non è solo emozione ma anche sostentamento per tante attività e famiglia.

Da Saronno l’appello di Enrico Cantù main sponsor ad altri colleghi imprenditori a sostenere la sala di via Primo Maggio e quello dell’assessore alla Cultura Laura Succi «a trovare nuovi strumenti affinché la cultura vada avanti. Serve un cambiamento perchè il mondo non è più quello di prima».

da IlSaronno.it

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore