/ Varese

Che tempo fa

Cerca nel web

Varese | 07 aprile 2021, 10:27

Dalla Regione oltre 70mila euro per le piccole medie imprese del Duc

E' online il bando per la seconda trance dei finanziamenti regionali che si è aggiudicato il Distretto del commercio di Varese. Ecco come richiederli

Dalla Regione oltre 70mila euro per le piccole medie imprese del Duc

Il Comune di Varese pubblica il bando per sostenere la ripartenza delle attività economiche presenti in città, e l’avvio di nuove: 70 mila euro che si aggiungono alle risorse già stanziate nel bando del 2020, per una somma complessiva di oltre 220 mila euro destinate alle micro, piccole e medie imprese che svolgono attività di ristorazione, somministrazione o vendita al dettaglio di beni e servizi.

Tante le tipologie di interventi oggetto del bando, che è frutto di un contributo da parte di Regione Lombardia: investimenti innovativi di carattere tecnologico e digitale; interventi strutturali di miglioramento esterno, ad esempio di facciate o insegne; interventi di riqualificazione interna; organizzazione di servizi di logistica, trasporto e consegna; investimenti legati all'emergenza sanitaria per il miglioramento dei livelli di sicurezza per collaboratori e clienti.

«Proseguiamo il nostro impegno per sostenere il commercio varesino con un bando a fondo perduto che mette a disposizione risorse concrete – spiega l'assessore alle Attività produttive Ivana Perusin– per sostenere la ripresa, innovazione e rilancio del tessuto economico cittadino duramente messo alla prova dalla pandemia. Un aiuto concreto per poter ripartire».

Il bando è dedicato alle micro, piccole o medie imprese (PMI) che svolgono attività di ristorazione, somministrazione ovvero vendita diretta al dettaglio di beni e servizi (commercio, artigianato di servizio e di produzione solo se accompagnato da vendita diretta dei prodotti oggetto dell’attività, terziario). Le imprese dovranno svolgere la propria attività all’interno del Distretto del commercio di Varese garantendo di soddisfare almeno una delle seguenti condizioni: svolgere attività di ristorazione, somministrazione o vendita diretta al dettaglio di beni o servizi (anche quale attività secondaria), con vetrina su strada o situata al piano terreno degli edifici. Fornire servizi tecnologici innovativi di logistica, trasporto e consegna a domicilio alle imprese del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato che coprano in tutto o in parte il territorio del Distretto del Commercio.

Tra gli interventi che verranno finanziati ci sono: l’avvio di nuove attività del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato all’interno di spazi sfitti o in disuso, anche sfruttando le possibilità di utilizzo temporaneo, oppure subentro di un nuovo titolare presso una attività esistente, incluso il passaggio generazionale tra imprenditori della stessa famiglia. Rilancio di attività già esistenti del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato. Adeguamento strutturale, organizzativo e operativo dell’attività alle nuove esigenze di sicurezza e protezione della collettività e dei singoli consumatori (protezione dei lavoratori, mantenimento delle distanze di sicurezza, pulizia e sanificazione, differenziazione degli orari, ecc.). Organizzazione di servizi di logistica, trasporto e consegna a domicilio e di vendita online, come parte accessoria di un’altra attività o come attività autonoma di servizio alle imprese, con preferenza per l’utilizzo di sistemi e mezzi a basso impatto ambientale.

 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore