/ Sociale

Che tempo fa

Cerca nel web

Sociale | 14 aprile 2021, 11:56

Famiglie in difficoltà: Cristina Scutari pronta a distribuire aiuti

La legnanese ha trasformato punti Esselunga in solidarietà. E non esclude che un’iniziativa estemporanea diventi qualcosa di più

Aiuti pronti per essere ritirati da mamme e famiglie

Aiuti pronti per essere ritirati da mamme e famiglie

«La vera notizia è che, anche in un periodo come questo, pieno di problemi vecchi e nuovi, a Legnano resiste la capacità di soccorrere chi sta peggio. Non solo confermando le attività già in atto ma anche partecipando a iniziative in più». Parola di Cristina Scutari, titolare di un asilo, educatrice, mamma, amministratrice di seguite pagine social, tra cui “La voce di Legnano”. E affetta dal virus della solidarietà. La sua iniziativa più recente: una raccolta punti per donare latte a due mamme in difficoltà. Oggi, i frutti del suo impegno, e della generosità di tanti cittadini, si fanno concreti, con le operazioni di smistamento e consegna. A quattro mamme e tre famiglie.  

«C’era questa richiesta d’aiuto da parte di alcune mamme – ricostruisce Cristina – e mi sono posta il problema: che cosa faccio? Ho pensato, sull’esempio di quanto è avvenuto anche altrove, di utilizzare la mia tessera Esselunga. E ho condiviso un appello in rete. So che di me si fidano in tanti ma non immaginavo che la risposta sarebbe stata così forte. In pochi giorni, si può quasi dire in poche ore, ho raccolto 80.000 punti».

Conoscenti, amici, iscritti alle pagine social, perfino una farmacia e commesse del supermercato: è stata una vera e propria pioggia di adesioni. Con essa, è maturata la possibilità di allargare il “raggio d’azione”: «Ho convertito in denaro, oltre 700 euro, i punti, perché non è possibile utilizzarli per l’acquisto di latte. Poi, oltre a quello, ho comprato pappe, generi alimentari, pannolini, materiale di cancelleria. E il numero di persone a cui adesso è possibile dare una mano è cresciuto».

Ora l’indispensabile passaggio della ripartizione. Ma l'iniziativa, verificata la sensibilità dei legnanesi, potrebbe diventare di più lungo corso. Domanda: visto il successo, pensi di proseguire? Di strutturare un'azione più sistematica? «Ci sto pensando, – ammette Cristina - al momento non posso anticipare le possibili prospettive, ma ci sto pensando».

Stefano Tosi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore